Categorie: News

“They” è ufficialmente pronome non binario: lo dice il Merriam-Webster

Giornata storica per la grammatica e per la lotta alle discriminazioni. Il più antico dizionario americano, il Merriam-Webster, ha ufficialmente accettato l’utilizzo del pronome di terza persona plurale “they” come pronome singolare “non binario”, ovvero che rifiuta il concetto che esistano solo due generi, uomo e donna.

L’AGGIORNAMENTO

È stato il Guardian a dare notizia del massiccio aggiornamento che da oggi porterà 533 nuove parole nel dizionario Merriam-Webster. Tra queste anche il pronome “they” che da oggi sarà considerato
anche come pronome singolare di terza persona non specifico di un genere (a differenza di “he/she”), recependo così un trend che sta crescendo sempre più in particolare tra le persone che non si riconoscono né come maschi né come femmine.

CONTRO LE CRITICHE

I curatori del Merriam-Webster hanno voluto mettere le mani avanti e sul blog hanno deciso di fornire una spiegazione a prova di grammar-nazi, ovvero di purista della grammatica. Nella nota si legge: «Noi sottolineiamo che ‘they’ è attestato come pronome singolare dall’ultima parte del 1300; che lo sviluppo del singolare ‘they’ rispecchia lo sviluppo de singolare ‘you’ dal plurale ‘you’ e non si lamenta il fatto che il singolare ‘you’ sia grammaticalmente scorretto; e che, al di là di quel che dicono i detrattori, quasi tutti usano il singolare ‘they’ in conversazioni informali e spesso nella lingua scritta formale».

LE REAZIONI DELLA COMUNITÀ

E la decisione ovviamente piace alle organizzazioni per i diritti LGBT. Gillian Brastetter del National Center for Transgender Equality vi vede un passo ulteriore verso la normalizzazione delle identità non binarie. «Guardando ovunque nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli ospedali, si nota che l’attuale sistema di offrire solo ‘maschio’ e ‘femmina’ non funziona per molte persone» sottolinea, ricordando che anche il “libro di stile” dell’agenzia di stampa Ap ormai riconosce questo uso di “they”.

Fonte Askanews

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020