Categorie: News

“They” è ufficialmente pronome non binario: lo dice il Merriam-Webster

Giornata storica per la grammatica e per la lotta alle discriminazioni. Il più antico dizionario americano, il Merriam-Webster, ha ufficialmente accettato l’utilizzo del pronome di terza persona plurale “they” come pronome singolare “non binario”, ovvero che rifiuta il concetto che esistano solo due generi, uomo e donna.

L’AGGIORNAMENTO

È stato il Guardian a dare notizia del massiccio aggiornamento che da oggi porterà 533 nuove parole nel dizionario Merriam-Webster. Tra queste anche il pronome “they” che da oggi sarà considerato
anche come pronome singolare di terza persona non specifico di un genere (a differenza di “he/she”), recependo così un trend che sta crescendo sempre più in particolare tra le persone che non si riconoscono né come maschi né come femmine.

CONTRO LE CRITICHE

I curatori del Merriam-Webster hanno voluto mettere le mani avanti e sul blog hanno deciso di fornire una spiegazione a prova di grammar-nazi, ovvero di purista della grammatica. Nella nota si legge: «Noi sottolineiamo che ‘they’ è attestato come pronome singolare dall’ultima parte del 1300; che lo sviluppo del singolare ‘they’ rispecchia lo sviluppo de singolare ‘you’ dal plurale ‘you’ e non si lamenta il fatto che il singolare ‘you’ sia grammaticalmente scorretto; e che, al di là di quel che dicono i detrattori, quasi tutti usano il singolare ‘they’ in conversazioni informali e spesso nella lingua scritta formale».

LE REAZIONI DELLA COMUNITÀ

E la decisione ovviamente piace alle organizzazioni per i diritti LGBT. Gillian Brastetter del National Center for Transgender Equality vi vede un passo ulteriore verso la normalizzazione delle identità non binarie. «Guardando ovunque nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli ospedali, si nota che l’attuale sistema di offrire solo ‘maschio’ e ‘femmina’ non funziona per molte persone» sottolinea, ricordando che anche il “libro di stile” dell’agenzia di stampa Ap ormai riconosce questo uso di “they”.

Fonte Askanews

Condividi

Articoli recenti

L’Uganda vuole introdurre la pena di morte per gli omosessuali

Il presidente ugandese si dice fiducioso che la legge passerà, appena presentata in parlamento.

11 ottobre 2019

Studente picchiato: aggressione omofoba a Firenze

Il Corriere Fiorentino, nella sua edizione cartacea odierna, ha denunciato un'aggressione omofoba avvenuta a Firenze. LA RICOSTRUZIONE Secondo quanto riportato…

11 ottobre 2019

Coming out day, l’appello di Cirinnà: “Ora una legge contro le discriminazioni”

In occasione dalla giornata del Coming Out Monica Cirinnà, senatrice dem, lancia un appello: subito una legge contro le discriminazioni.…

11 ottobre 2019

Stati Uniti, Itali Marlowe è la ventesima vittima trans del 2019

Itali Marlowe è la ventesima vittima trans dall’inizio del 2019 negli Stati Uniti. La quarta nello stato del Texas. Cosa…

10 ottobre 2019

Verona, torna a celebrare messa il prete che ha sposato il compagno

Nel 2017 era scappato per sposare il compagno alle Canarie, oggi il prete di Verona torna a celebrare la messa.

10 ottobre 2019

Ferrara, il sindaco Fabbri cambia idea: patrocinio concesso: ma ora Arcigay lo rifiuta

Il sindaco di Ferrara Alan Fabbri concede il patrocinio all'evento sul coming out. Arcigay però decide di rifiutarlo.

10 ottobre 2019