Categorie: News

Sweet Home Alabama: giudice federale blocca la legge anti-aborto

Un giudice federale ha deciso di bloccare una delle più restrittive leggi contro l’aborto degli Stati: si tratta della ormai tristemente famosa legge dell’Alabama, quella che avrebbe resto impossibile ogni forma di aborto.

LA DECISIONE DEL GIUDICE

Martedì il giudice Myron H. Thompson della United State District Court per il Middle District of Alabama ha emanato una ingiunzione contro la legge, che sarebbe entrata in vigore dal 15 novembre. La legge era stata stata firmata a maggio, tra mille polemiche.
Il giudice Thompson è ottimista sull’esisto del ricorso.
Dalla scorsa primavera erano state molte le proteste contro la legge in tutta la nazione. La legge consentirebbe l’aborto solo in caso di rischio di vita della donna, senza prendere in considerazione l’ipotesi di stupro o incesto. Ogni medico che avrebbe comunque deciso di procedere con l’Igv avrebbe rischiato fino a dieci anni di carcere.

GLI USA E L’ABORTO

Altri stati, inclusi la Georgia, il Mississippi e l’Ohio, stato cercando di lanciare leggi anti aborto, alcune note come “leggi del battito cardiaco”. Leggi che metterebbero al bando l’aborto in ogni caso in cui il battito del cuore sia percepito. Molti attivisti hanno detto che queste leggi sono parte di un tentativo molto più ampio di presentare ricorso alla Corte suprema a proposito del caso Roe v Wade che ha abbattuto tutte le leggi statali anti aborto.
La causa da cui nasce la decisione di oggi è stata intentata dalla American Civil Liberties Union e della Planned Parenthood Federation of America per conto di Yashica Robinson, una ostetrica di Huntsville, Alabama, che pratica aborti.

«L’aborto resta legale in Alabama», ha spiegato Randall Marshall, il direttore esecutivo dell’Aclu dell’Alabama. «Il ripetuto tentativo dello stato di rendere l’aborto inaccessibile è già costato ai contribuenti 2.5 milioni di dollari. Questa legge malamente consigliata costerà ai contribuenti ancora più soldi».

ABORTO E COMUNITÀ LGBT+

L’accesso all’aborto è stato e continua a essere un tema che ha effetto sulla comunità Lgbt+ in tutto il paese.
Nel 2015 uno studio dei ricercatori delle George Mason University ha scoperto che lesbiche, bisessuali e trans, soprattutto se studenti delle superiori e  sessualmente attivi, hanno un rischio tre volte superiore di rimanere incinte rispetto ai loro coetanei etero e cisgender.
Nel 2017 una meta analisi ha scoperto che le teenagers lesbiche e bisessuali hanno maggiori probabilità di rimanere incinte rispetto agli altri gruppi.

Condividi

Articoli recenti

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020

Primo matrimonio egualitario in Irlanda del Nord: le nozze di Sharni e Robyn

Il primo sì pronunciato da una coppia lesbica: il Irlanda del Nord la legge è cambiata a ottobre 2019.

11 febbraio 2020