Categorie: FotoNews

Strage di Orlando: fiaccolata in corso alla Gay Street di Roma

Mentre scriviamo (sono le 22.42 del 12 giugno) è in corso alla Gay Street di Roma una fiaccolata in memoria delle vittime della strage di Orlando, dove la notte scorsa il 29enne Omar Mateen è entrato al Pulse, storico locale gay, imbracciando un ficile d’assalto e una pistola ed ha iniziato a sparare sulla folla uccidendo 50 persone e ferendone 53.
La fiaccolata è stata indetta dal Gay Center, da Arcigay Roma, da Arcilesbica Roma e da Azione trans.  “L’episodio è gravissimo indipendentemente dalla matrice ed è il risultato di politiche violente contro le persone LGBT perpetuate negli stati uniti. La più grande strage dal dopoguerra a oggi” ha dichiarato Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center. “In Italia stragi del genere non avvengono perché fortunatamente non abbiamo la cultura della diffusione di massa delle armi – ha aggiunto Vanni Piccolo, ex presidente del Circolo Mario Mieli ed attivista storico -. Ma abbiamo una cultura d’odio sessista e omofobo profondamente radicata.”
“Quello che facciamo oggi non è soltanto essere vicino all’America ma ricordare che qui in Italia siamo ancora meno protetti. Non abbiamo bisogno di alcuna tolleranza, semplicemente di libertà e di eguaglianza” è il commento di Valerio Mezzolani, segretario di GayNet.
Poco prima, invece, il Coordinamento Roma Pride, chiudendo le celebrazioni del Pride 2016 e la Gay Croisette, ha osservato un minuto di silenzio seguito da un applauso in omaggio alle persone che hanno perso la vita nella discoteca gay. “Non potete ucciderci tutti” è stato il messaggio finale del portavoce del Coordinamento Sebastiano Secci.
Ecco alcune immagini della fiaccolata.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020