Categorie: News

Sesto San Giovanni, il sindaco dice no ad un bimbo con due mamme: “Servono una mamma e un papà”

Il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, eletto con il centro destra lo scorso anno in quella che fino ad allora era conosciuta come “la Stalingrado d’Italia”, ha negato la trascrizione dell’atto di nascita di un bimbo con due mamme.
A riportare la notizia è La Stampa secondo cui il sindaco non ha motivato la decisione con presunti impedimenti di legge, ma con le sue convinzioni personali.

“Nessuna intenzione di accogliere la richiesta”

“E’ arrivata al Comune la prima richiesta di trascrizione all’anagrafe per un bambino figlio di due madri donne – ha dichiarato Di Stefano -. In merito vorrei comunicare che non ho la minima intenzione di accogliere la richiesta: semplicemente perché credo che un bambino, per crescere bene, non può prescindere dall’avere un padre e una madre”.
Il piccolo Jay Leon, dunque, nato a Londra da due mamme nel 2014, non sarà iscritto all’anagrafe cittadina. Non è chiaro se il sindaco intenda, almeno, procedere all’iscrizione con la madre partoriente oppure no.

“Difendo la famiglia tradizionale”

“La dicitura genitore 1 e genitore 2 la trovo francamente inconcepibile – ha continuato -. In difesa della famiglia naturale non accoglierò la richiesta delle due madri che è arrivata nel Comune che rappresento. Lo ripeto in maniera chiara e inequivocabile: un bambino deve avere una mamma e un papà, non perché lo dice Di Stefano, ma perché così è la natura umana”. Un monito per altre coppie dello stesso sesso residenti nel comune, dunque: nessuna iscrizione o trascrizione di figli di due papà o di due mamme finché Di Stefano sarà sindaco. Il primo cittadino, dunque, si pone in controtendenza rispetto a tutti quei sindaci che negli ultimi mesi hanno preso la decisione esattamente opposta, da Torino a Palermo, passando per Napoli, Catania e decine di altre città.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020