Categorie: News

Serata “blasfema” al Cassero, la pm chiede l’archiviazione: «Non fu vilipendio»

È stata chiesta l’archiviazione per le immagini del Cassero di Bologna su Facebook, in occasione dell’iniziativa “Venerdì Credici”, nel 2015, ritenute all’epoca blasfeme e quindi denunciate all’autorità giudiziaria per vilipendio alla religione. La pm Morena Plazzi sostiene, infatti, che quelle fotografie non furono prodotte con lo scopo di offendere il credo cristiano, ma vanno ritenute mera «espressione, in forme certo criticabili per la qualità dei contenuti umoristico-satirici, delle istanze culturali e sociali promosse dall’associazione».

La denuncia dei consiglieri di destra

Il caso risale a quando, al Cassero, si organizzò una serata che promuoveva lo “sbattezzo”, ovvero la richiesta di cancellazione dai registri parrocchiali in quanto non credenti e/o non appartenenti alla chiesa cattolica romana. Tuttavia, quell’iniziativa non piacque e quando vennero pubblicate le immagini incriminate – che ritraevano, per altro, alcuni uomini travestiti da Gesù e altri da ladroni in atteggiamento provocatorio – i consiglieri comunali di Valentina Castaldini (Ncd) e Marco Lisei (Fi), insieme  al capogruppo regionale di Fi, Galeazzo Bignami, sporsero denuncia. Gli stessi hanno fatto sapere che si opporranno all’archiviazione.

Le polemiche di allora

La serata suscitò vibranti proteste, non solo dal mondo politico, ma anche da quello cattolico – com’era prevedibile, per altro – tanto che lo stesso vescovo Caffarra parlò di fine della democrazia e si avventurò in paragoni col dramma dell’Isis, sulle sponde del Mediterraneo orientale. La polemica arrivò fin dentro la nostra stessa comunità: critiche roventi, infatti, provennero anche da molte persone Lgbt, che si dichiararono offese da quell’iniziativa, chi per eccesso di moralismo, chi per adesione al cattolicesimo. Dimenticando, in entrambi i casi, il senso di appartenenza. Secondo la PM, invece, non ci sono gli estremi per procedere.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020