Categorie: News

Salvini non cede: impugnata in Appello la trascrizione del bimbo con due mamme

Il Viminale non molla. Tramite l’Avvocatura dello Stato infatti, Salvini ha fatto ricorso in appello contro la trascrizione, a Bari, dell’atto di nascita di un bimbo con due mamme.
Il piccolo, biologicamente figlio della mamma inglese, risulta figlio anche della mamma italiana secondo le leggi vigenti in Inghilterra, dov’è venuto alla luce e dove la famiglia vive.

Il sì del Comune e l’opposizione del Viminale

Il Comune di Bari, dov’è residente la mamma italiana, aveva trascritto l’atto di nascita riconoscendo entrambe le donne come madri, anche in virtù del fatto che sono unite civilmente.
Poi il Ministero dell’Interno si era opposto alla trascrizione, ma il Tribunale di Bari aveva stabilito che non ha titolo ad impugnare l’atto, respingendo quindi l’opposizione del Viminale.
Ora il ricorso in Appello da parte del ministero.

Il legame biologico

Secondo quanto riporta Repubblica, per i ministero “l’insussistenza di un rapporto biologico con il genitore (la mamma italiana, ndr) impedisce la trascrizione nei registri di stato civile italiani dell’atto di nascita che attribuisce al minore lo status filiationis fondamentale per avere accesso alla cittadinanza italiana”.
La teoria dell’Interno è sempre la stessa: dato che in Italia la cittadinanza si acquisisce dai genitori, non essendoci legame biologico tra la donna e il bambino, questi non può essere considerato italiano. E trascrivere l’atto di nascita con tutte e due le mamme significherebbe proprio riconoscergli la cittadinanza.

In aula a novembre

Il Viminale, insomma, insiste sul fatto di avere titolo ad impugnare l’atto perché ” titolare della competenza in materia di tenuta dei registri dello stato civile”.

Nel procedimento sono costituiti parte civile il Comune di Bari, convinto della correttezza della trascrizione, e Rete Lenford – avvocatura per i diritti lgbt. Il procedimento è previsto per il 12 novembre.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020