Categorie: News

Sala dà seguito alla sentenza e trascrive i due papà della piccola Anna

Alla fine Sala ha trascritto. A un paio di settimane dalla sentenza del Tribunale che imponeva al Comune di Milano di trascrivere l’atto della piccola Anna riportando i nomi di entrambi i padri, il sindaco ha iscritto la bimba all’anagrafe.
Lo riporta il Corriere della Sera secondo cui Sala ha dichiarato che si tratta di “un atto obbligato”. “E’ stata recepita la sentenza” continua il sindaco.

Le polemiche in consiglio comunale

La vicenda aveva sollevato non poche polemiche, anche all’interno della maggioranza che sostiene il sindaco e qualche giorno fa dall’opposizione erano arrivate minacce di denunce contro Sala se avesse trascritto l’atto.
Gianni e Andrea, dunque, sono ufficialmente i papà della loro bambina.
Ma sono tanti altri i casi simili che aspettano risposte dall’amministrazione di Milano. Una situazione di stallo che Famiglie Arcobaleno aveva denunciato e per la quale aveva rivolto un appello al sindaco.
Poi la sentenza del Tribunale ha sbloccato tutto, almeno per una famiglia.
Sarebbero infatti altre cinque le famiglie composte da due papà che hanno fatto richiesta di trascrizione dell’atto di nascita. Quello di oggi e la sentenza del Tribunale potrebbero fare da apripista anche per loro.

“Posizione di apertura”

“La mia posizione è abbastanza di apertura – ha dichiarato Sala -. La domanda che ci stiamo facendo è: può il Comune di Milano negare giuridicamente una decisione presa dal governo di un altro Paese?”.
L’atto di nascita di Anna, infatti, come quelli degli altri figli di due padri, è stato formato nel paese in cui è nata grazie alla gestazione per altri e dove i Gianni e Andrea sono riconosciuti da subito come genitori.
La mancata trascrizione era stata motivata dagli uffici di Palazzo Marino con l’attesa di una decisione da parte dell’Avvocatura dello Stato, chiamata in causa direttamente da Salvini qualche mese fa. Ora, però, l’intervento del giudice dà al sindaco una ulteriore base giuridica su cui agire.

“Saremo dunque costretti ad agire in mancanza di un’indicazione da Roma” ha infatti concluso Sala.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020