Categorie: News

Russia, sentenza storica: la corte difende una donna trans licenziata ingiustamente

Una corte russa ha definito “illegale” che il licenziamento di una donna trans dal proprio posto di lavoro. Una sentenza storica per il popolo russo Lgbtqi ma non solo

Anna Grigoryeva era stata licenziata dopo 10 anni di lavoro in una stamperia prima della sua transizione. Siamo nel 2017 quando Anna confessa ai suoi datori di lavoro di identificarsi come donna. Viene perciò licenziata in tronco. Il datore di lavoro ha dichiarato di averla licenziata perché per legge, quella mansione è destinata soltanto agli uomini.

Una verità

In Russia infatti il governo ha adottato nel 2000 una risoluzione che vieta alle donne di lavorare in più di 35 industrie. Il divieto si estende poi per 450 lavori specifici considerati come troppo “pericolosi” e “rischiosi” per le donne.
Adesso grazie alla corte distrettuale di Frunze tutto potrebbe cambiare. Il giudice ha stabilito la riassunzione di Grigoryeva e ha inoltre condannato l’azienda a pagare 10,000 rubli ($155) per danni morali e un milione e ottocentomila rubli ($27,800) di salari arretrati.

Sentenza storica

Il legale di Grigoryeva, l’avvocato Maksim Olenichev, ha definito alla testata russa RFE/RL la sentenza come “storica”.
Per la prima volta in Russia, una persona transgender è riuscita a difendere il proprio diritto al lavoro di fronte a una corte di giustizia,’ ha dichiarato.
Ksenia Mikhailova, un’avvocata che si occupa di questioni Lgbtqi per il gruppo, ha allargato il campo: “Questa non è soltanto una sentenza storica per le persone trans, ma anche per tutte le donne a cui è stato imposto un limite alle proprie aspirazioni professionali”.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020