Categorie: News

Perugia, ricorso contro il piccolo Joan: Omphalos occupa gli uffici di Romizi

Il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, ricorrerà contro il piccolo Joan. A riportarlo è un comunicato ufficiale dell’associazione Omphalos, in cui si legge: «Il Comune di Perugia ha deciso di ricorrere in appello contro la decisione del Tribunale di Perugia, che imponeva» al primo cittadino «di trascrivere integralmente l’atto di nascita» del bimbo nato in Spagna da due mamme perugine. Tale ricorso «arriva dopo una sentenza che aveva integralmente accolto la richiesta delle due mamme».

La rabbia della comunità

L’occupazione dell’ufficio del sindaco

«Non abbiamo più parole per descrivere la nostra rabbia e lo sconcerto nell’apprendere questo ulteriore atto discriminatorio del Comune di Perugia» dichiara Stefano Bucaioni, presidente dell’associazione, denunciando «un accanimento senza precedenti sulla pelle di un povero bambino per il solo fatto di avere due mamme». Bucaioni ricorda che Romizi ha sempre motivato la sua opposizione alla trascrizione per ragioni tecniche «e che in assenza di una legge precisa spettava al Tribunale decidere». Per il presidente di Omphalos tale ricorso «svela ancora una volta le intenzioni chiaramente discriminatorie di questa amministrazione».

La “gaia invasione” dell’ufficio del sindaco

Appresa la notizia, i/le militanti di Omphalos si sono recati in consiglio comunale, in cui era prevista un’interpellanza sulla scelta del Comune, ma né Romizi né la giunta si sono fatti vedere in aula, impedendo di fatto i lavori. Al che i ragazzi e le ragazze dell’associazione hanno occupato gli uffici del sindaco, chiedendo a gran voce di esprimersi sulla vicenda. Lo slogan di quest’anno del pride perugino è “La gaia invasione”. Slogan che il movimento Lgbt perugino ha subito trasformato in azione concreta.

Stefano Bucaioni, presidente di Omphalos

Una battaglia ideologica e discriminatoria

Bucaioni commenta ancora: «Avevamo dedicato al piccolo Joan il Pride dell’anno scorso, mai avremmo pensato di dovergli dedicare anche l’edizione di quest’anno». E ricorda, ancora, che «mentre in tutta Italia sindaci di ogni parte politica trascrivono e registrano atti di nascita di bambini con due mamme e due papà, a Perugia l’amministrazione si oppone anche alla decisione del Tribunale, spendendo ulteriori soldi pubblici per una battaglia ideologica e discriminatoria».

Una ragione in più per essere sabato prossimo – il 30 giugno, alle 15 in piazza Grimana – alla “Gaia invasione”. Lo dobbiamo a Joan.

Ecco il video della protesta di Omphalos, realizzato da Umbria24.

Condividi

Articoli recenti

Roma: blitz fascista al Village, l’estivo di Muccassassina

Ieri sera, prima di iniziare la serata dell'estivo di Muccassassina una brutta sorpresa: simboli fascisti all'ingresso del locale.

22 settembre 2019

Minoranza nella minoranza: cosa significa essere bisessuali in India

Essere bisessuali non è così difficile o strano da comprendere. Allora perché le gente continua a comportarsi come se lo…

21 settembre 2019

Quando ad esser cattivi sono i super eroi: ecco “The boys”, su Amazon Prime

Personaggi disfunzionali, abusi sessuali e preghiere per curare i gay... c'è di tutto nella nuova serie tv.

21 settembre 2019

Università russa spia studente: «Sei gay». E rischia l’espulsione

L'università degli Urali ammette di controllare i social degli studenti e ne accusa uno di fare propaganda gay

20 settembre 2019

Omofobia in Puglia, altra coppia gay allontanata da un lido a Gallipoli

La denuncia da parte di un ragazzo di trentasei anni e del suo compagno.

20 settembre 2019

Lorenzin nel Pd, Toccafondi in Italia Viva: i gay di partito non hanno niente da dire?

Arrivano gli omofobi dentro Pd e il nuovo partito di Renzi: le pattuglie Lgbt non hanno niente da dire?

20 settembre 2019