Categorie: RainbowVideo

“Tutto quello che abbiamo in comune”: il bellissimo spot della TV danese sull’inclusione

Si intitola “All that we share” (“Tutto quello che abbiamo in comune” o “che condividiamo”) lo spot diffuso da TV 2, canale della TV danese che promuove l’accoglienza e l’inclusione.

Diversi gruppi di persone, apparentemente molto differenti tra loro e con niente in comune, si ritrovano in una stanza. A quel punto un uomo comincia a fare domande, anche molto personali, a cui chiede di rispondere con sincerità. È così che si creano nuovi gruppi in base a ciò che le persone condividono e che le accomuna.

Tra loro migranti, persone nate da famiglie danesi da sempre, seconde generazioni, persone bisessuali. Il messaggio finale è molto chiaro: sono più le cose che ci accomunano di quelle che ci dividono. Per questo le discriminazioni non hanno alcun senso.

Condividi

Articoli recenti

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019

Mes, arriva la battuta omofoba dai leghisti durante il dibattito in aula

La Lega recupera il termine medievale "sodomia" durante il dibattito alla Camera sul Mes.

11 dicembre 2019

Marta Cartabia, la prima presidente della Corte Costituzionale. Ma non è un’alleata

Questa mattina, mercoledì 11 dicembre, si è celebrata una elezione storica: Marta Cartabia è la nuova presidente della Corte Costituzionale.…

11 dicembre 2019

Non binary: per il Merriam-Webster il termine “they” è la parola dell’anno

La lingua cambia velocemente e succede anche all'inglese: ecco le importanti novità sull'uso dei pronomi.

11 dicembre 2019