Categorie: Politica&diritti

Procreazione assistita per donne single e lesbiche: un passo avanti in Francia

Il Comitato Consultivo Nazionale d’Etica (CCNE) ha aperto alla procreazione medicalmente assistita (PMA) per le donne single e per le coppie lesbiche. Un parere, quello espresso, che si attendeva dal 2013, anno in cui venne sancito il marriage pour tous (il matrimonio egualitario) e in cui lo stesso Comitato decise di non esprimersi sui temi relativi alla genitorialità, congelando il giudizio.

Una questione di libertà e uguaglianza

Diversi i punti qualificanti della nota del CCNE: innanzi tutto, viene riconosciuto il desiderio di maternità a prescindere da situazioni legate all’infertilità di chi vuole ricorrere alla maternità assistita. Tale desiderio deve essere quindi garantito a quelle donne single e alle coppie lesbiche che vogliono figli. L’accesso alla PMA, si legge ancora, «s’iscrive nella rivendicazione della libertà e dell’uguaglianza nell’accesso delle tecniche» procreative. Un decisivo passo in avanti, in questa direzione.

La disconnessione tra procreazione e filiazione

Un altro aspetto di primaria rilevanza sta nel passo in cui si sottolinea «una disconnessione evidente tra la sessualità e la procreazione tra procreazione e filiazione» in quanto «esso modifica profondamente il rapporto del bambino al suo ambiente familiare, in termini di punti di riferimento familiari» concentrandosi per adesso sulla «mancanza del padre istituzionalizzata ab initio». Un elemento importantissimo, questo, perché scardina il concetto di famiglia come luogo in cui deve esserci necessariamente la presenza di due genitori di sesso differente.

La reazione di Manif pour tous

Quest’ultimo passaggio, infatti, ha provocato la reazione di Manif pour tous, il movimento che si è sempre opposto al matrimonio egualitario e che adesso promette di dare battaglia anche su questo fronte. L’organizzazione francese, infatti, ha invitato Macron a non aprire un dibattito su questo tema, ritenendolo divisivo per le coscienze dei francesi. Per l’organizzazione contraria ai diritti delle coppie dello stesso sesso oltre il 70% dei connazionali si dice contraria a questo tipo di intervento. Il documento del CCNE scontenta, quindi, le istanze degli omofobi, che invece devono essersi sentiti alleggeriti nel passaggio in cui si mantiene la contrarietà contro la Gpa, ritenuta una condizione di violenza e mercificazione contro le donne portatrici.

Le divisioni interne al Comitato

L’argomento ha procurato un dibattito anche all’interno del CCNE, in cui un terzo dei suoi componenti si è detto contrario e ha dichiarato di preferire lo status quo, ovvero di permettere la PMA solo alle coppie eterosessuali. I punti di conflitto registrati sono sulle conseguenze sul bambino, i rischio di mercificazione della pratica e le condizioni di fattibilità. Il parere del Comitato, quindi, tiene conto di questi elementi suggerendo che siano studiate e definite le condizioni d’accesso, distinguendo le situazione differenti tra donne in coppia e single, mantenendo anche il principio di gratuità del “dono”. Alcuni dubbi emergono anche sui costi, che ricadrebbero anche sul servizio sanitario.

L’auspicio di Macron per scelte condivise

Emmanuel Macron, dal canto suo, già in campagna elettorale si era detto a favore dell’estensione della PMA alle single e alle donne lesbiche, precisando che attendeva proprio la decisione del CCNE «per poter costruire un consenso quanto più largo possibile». Il Comitato, alla fine, si è espresso. Nel frattempo, altre organizzazioni si pronunciano in merito. SOS Homophobie saluta il pronunciamento come un passo in avanti per tutte le mamme e, insieme all’Haut conseil à l’égalité entre les femmes et les hommes (Alto consiglio per l’uguaglianza tra uomini e donne) auspica che ad esso segua un rapido adeguamento legislativo.

Condividi

Articoli recenti

Lesbiche, minorenni e innamorate. Fuga d’amore da Nizza alla Calabria

Un amore lesbico osteggiato dalle famiglie, una fuga per migliaia di chilometri e un intero paese disposto ad aiutarle. È…

13 dicembre 2019

Uk, Boris Johnson ha vinto: cosa devono aspettarsi le persone Lgbt+?

La notizia ha iniziato ad aleggiare nell’aria fin dai primi exit poll di ieri sera. I Conservatori hanno stravinto le…

13 dicembre 2019

Aveva raccontato le terapie riparative: donna lesbica trovata senza vita

Prime le terapie riparative, poi il ricovero per autolesionismo. Alan Chen aveva raccontato la sua storia al Denver Post ad…

13 dicembre 2019

YouTube, nuove regole per mettere alla porta l’hate speech

Proprio ieri YouTube ha annunciato una nuova politica che metterà al bando gli youtuber che creano contenuti violenti. Le nuove…

12 dicembre 2019

Omofobia, uomo denuncia madre e fratello: «Solo il suicidio salva il disonore»

L’omofobia è una cosa orribile, quando avviene in famiglia assume contorni ancora più terribili. Un uomo di Arborea, in provincia…

12 dicembre 2019

Finalmente le donne dello sport potranno essere considerate professioniste

Vi verrebbe mai di mettere in dubbio che Sara Gama, la capitana della nazionale femminile di calcio sia una professionista?…

12 dicembre 2019