Presto lo Stato di Washington potrebbe riconoscere legalmente le persone non binarie

Lo Stato di Washington potrebbe presto riconoscere legalmente le persone non binarie. È stata infatti presentata una proposta per introdurre sui documenti una terza scelta di genere, contrassegnata con una “X”. L’opzione sarebbe disponibile su patenti di guida, certificati di nascita, carte di identità ecc.
Se approvata, la novità entrerebbe in vigore entro due mesi e cioè da febbraio 2018.

“Per me è un sogno”

Durante un’audizione pubblica sulla proposta, le persone a favore erano nettamente più di quelle contrarie.
“Come bambino cresciuto nel mid-west – ha spiegato uno dei ragazzi presenti -è un sogno per me vedere uno stato come Washington parlare della possibilità di legalizzare le identità non-binarie, quando nella maggior parte dei casi siamo invisibili”.
“Sono grato di vivere in un’epoca in cui le persone trans iniziano ad essere trattate con più equità, comprensione e compassione – ha dichiarato Tobias Gurl durante l’incontro -, e di vivere e lavorare in uno stato dove stiamo ricevendo più riconoscimento che mai”.

“Conseguenze involontarie”

Gli oppositori hanno parlato di “conseguenze involontarie” senza precisare a cosa si riferissero. “Stiamo per creare molte vittime in questo processo” ha dichiarato Kaeley Triller Haver, co-fondatrice di un’associazione contraria al riconoscimento dei diritti delle persone trans.

Washington il primo stato degli Usa

Lo Stato di Washington prenderà una decisione entro la fine dell’anno. Se la decisione fosse positiva, Washington sarebbe il primo stato degli Usa a rilasciare patenti e carte di identità con indicazione di genere neutro
Anche in Oregon e in California si discutono provvedimenti simili, ma quello di Washington sembra essere un iter più veloce.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020