Categorie: News

“Padre” e “Madre”: la regione Piemonte pagherà le spese legali alle Famiglie Arcobaleno

Arrivano dal Piemonte le prime barricate al provvedimento a firma dei ministri dell’Interno Matteo Salvini, per la pubblica amministrazione Giulia Buongiorno e dell’Economia e delle finanze Giovanni Tria, che sostituisce la dicitura “genitori” nelle carte d’identità con quella di “padre e madre” .

Il ricorso a spese della regione

La giunta Chiamparino ha annunciato che le coppie omogenitoriali che si sentono lese dal decreto potranno fare ricorso con il contributo della regione per le spese legali.
“Il decreto è a nostro parere discriminatorio e per questo contrario alla nostra legge regionale, la numero 5 – sostiene l’assessora ai Diritti Monica Cerutti –. Riteniamo perciò importante ricordare a tutti i piemontesi che se si riterranno lesi da questo atto potranno fare richiesta d’accesso al nostro fondo regionale a sostegno delle spese legali per far valere i propri diritti”.

Il ricorso a spese della regione

“La stessa opportunità la offriamo alle amministrazioni comunali” ha continuato Cerutti “che hanno competenza sull’anagrafe. Riteniamo grave quanto deciso dal governo formato da Lega e 5Stelle. Tutto ciò rende difficile la vita alle famiglie omogenitoriali. E invitiamo davvero tutti a far valere i propri diritti affinché non si perda terreno e non si torni indietro a un passato non felice”.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020