Categorie: Onda Pride

Continua l’Onda pride, aspettando New York: oggi Milano, Treviso, Bari e Catania

In questo week end a cavallo del 28 giugno, sono cinque i pride che coloreranno – e che hanno in parte già colorato – le nostre città, sempre da nord a sud del nostro Paese. Già ieri è toccato al Palermo pride, che ha voluto omaggiare il cinquantesimo anniversario dei moti di Stonewall proprio nella data storica in cui si è verificato l’evento. Oggi, il 29 giugno, toccherà ad altre quattro piazze. Vediamo quali.

Le piazze del nord: Milano e Treviso

Grande attesa per il Milano Pride – il concentramento è già cominciato alle 15:00 in piazza Duca d’Aosta – che si è trascinato in questi giorni numerose polemiche, sia per la nomina a madrina (poi ritirata) di Caterina Balivo, sia per la presenza del carro del M5S, ritenuto ospite sgradito dalla comunità Lgbt, locale e non. Sempre al nord, ancora, si celebrerà il Treviso Pride. E anche per la città veneta, il concentramento si sta già svolgendo – per una curiosa coincidenza – sempre in piazzale Duca d’Aosta.

I pride a sud: Bari e Catania

Un momento del Catania Pride, del 2018

Anche al sud la bandiera rainbow sventolerà per portare la nostra legittima richiesta di diritti e di uguaglianza. Giornate e luoghi più caldi che impongono orari diversi: per questa ragione sia a Bari, sia a Catania i cortei prenderanno il via alle ore 17:00. Il primo, da piazza Umberto I, dove è previsto il concentramento prima della marcia. Il secondo, ancor, sfilerà a partire sempre dallo stesso orario dal tradizionale punto di incontro a via Cavour, per poi andare per tutta via Etnea fino a piazza Teatro Massimo.

In attesa del World Pride del 30 giugno

Domani, infine, si terrà a New York il World Pride 2019, in occasione del cinquantesimo anniversario dei moti di Stonewall. Sono previsti quattro milioni di partecipanti, per l’evento. «Torneremo fisicamente» dichiara Gabriele Piazzoni, segretario di Arcigay «nei luoghi dove cinquant’anni fa scoccò la nostra rivoluzionaria scintilla». «Per noi è importante essere a New York» ha dichiarato Sebastiano Secci, presidente del Circolo Mario Mieli di Roma. «Siamo qui non solo per sostenere la nostra candidatura al World Pride del 2025, ma soprattutto per confrontarci e contaminarci con chi organizza pride in tutto il mondo. Siamo qui per celebrare le ragazze di Stonewall rivendicando davanti a tutto il mondo l’orgoglio di essere lesbiche, trans, bisessuali e gay».

Condividi

Articoli recenti

Eternals, Richard Madden sarà il primo super eroe gay della Marvel

Il film arriverà nelle sale solo a novembre del 2020, ma arrivano le prime indiscrezioni sul cast.

19 agosto 2019 5:30 PM

Mounir Baatour, il sondaggio: il candidato gay in Tunisia fa pieno di voti tra i giovani

Voteresti un candidato gay? La società tunisina sta evolvendo velocemente. Un sondaggio ce lo rivela.

19 agosto 2019 3:19 PM

Trump vuole legalizzare il licenziamento delle persone trans

L'amministrazione Trump ha chiesto alla Corte Suprema di esprimersi sulla possibilità di licenziare le persone trans in quanto tali.

18 agosto 2019 12:02 PM

In cucina con l’arcobaleno, ricetta “in viola”: granita siciliana di gelsi

Concludiamo oggi il nostro breve ricettario arcobaleno. Con una specialità siciliana.

17 agosto 2019 9:30 AM

Salento, omotransfobia alla vigilia del pride: “Froci e trans andate nei vostri posti”

Il buttafuori di un noto lido di Gallipoli si sarebbe rivolto così ad un gruppo di persone in città per…

16 agosto 2019 6:08 PM

In cucina con l’arcobaleno, ricetta “in blu”: oggi si vola con l’angelo azzurro

Il colore previsto per oggi è l'azzurro. Ed ecco una ricetta, tra le più classiche. Con qualche curiosità.

16 agosto 2019 9:30 AM