Categorie: Onda Pride

Continua l’Onda pride, aspettando New York: oggi Milano, Treviso, Bari e Catania

In questo week end a cavallo del 28 giugno, sono cinque i pride che coloreranno – e che hanno in parte già colorato – le nostre città, sempre da nord a sud del nostro Paese. Già ieri è toccato al Palermo pride, che ha voluto omaggiare il cinquantesimo anniversario dei moti di Stonewall proprio nella data storica in cui si è verificato l’evento. Oggi, il 29 giugno, toccherà ad altre quattro piazze. Vediamo quali.

Le piazze del nord: Milano e Treviso

Grande attesa per il Milano Pride – il concentramento è già cominciato alle 15:00 in piazza Duca d’Aosta – che si è trascinato in questi giorni numerose polemiche, sia per la nomina a madrina (poi ritirata) di Caterina Balivo, sia per la presenza del carro del M5S, ritenuto ospite sgradito dalla comunità Lgbt, locale e non. Sempre al nord, ancora, si celebrerà il Treviso Pride. E anche per la città veneta, il concentramento si sta già svolgendo – per una curiosa coincidenza – sempre in piazzale Duca d’Aosta.

I pride a sud: Bari e Catania

Un momento del Catania Pride, del 2018

Anche al sud la bandiera rainbow sventolerà per portare la nostra legittima richiesta di diritti e di uguaglianza. Giornate e luoghi più caldi che impongono orari diversi: per questa ragione sia a Bari, sia a Catania i cortei prenderanno il via alle ore 17:00. Il primo, da piazza Umberto I, dove è previsto il concentramento prima della marcia. Il secondo, ancor, sfilerà a partire sempre dallo stesso orario dal tradizionale punto di incontro a via Cavour, per poi andare per tutta via Etnea fino a piazza Teatro Massimo.

In attesa del World Pride del 30 giugno

Domani, infine, si terrà a New York il World Pride 2019, in occasione del cinquantesimo anniversario dei moti di Stonewall. Sono previsti quattro milioni di partecipanti, per l’evento. «Torneremo fisicamente» dichiara Gabriele Piazzoni, segretario di Arcigay «nei luoghi dove cinquant’anni fa scoccò la nostra rivoluzionaria scintilla». «Per noi è importante essere a New York» ha dichiarato Sebastiano Secci, presidente del Circolo Mario Mieli di Roma. «Siamo qui non solo per sostenere la nostra candidatura al World Pride del 2025, ma soprattutto per confrontarci e contaminarci con chi organizza pride in tutto il mondo. Siamo qui per celebrare le ragazze di Stonewall rivendicando davanti a tutto il mondo l’orgoglio di essere lesbiche, trans, bisessuali e gay».

Condividi

Articoli recenti

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020

Primo matrimonio egualitario in Irlanda del Nord: le nozze di Sharni e Robyn

Il primo sì pronunciato da una coppia lesbica: il Irlanda del Nord la legge è cambiata a ottobre 2019.

11 febbraio 2020