Categorie: News

Oliviero Toscani: “Villipendio alla Chiesa? Non cambia ciò che penso”

“La condanna non mi ha cambiato, la mia opinione sulla religione resta la stessa, perché uno che non la conosce, entrando in una chiesa cattolica, si domanda da dove venga tutta questa violenza e questo sesso represso, questo sangue, questi angioletti nudi, questi uomini vestiti da donna, questi anoressici crocifissi con le spine intorno alla testa. E poi si chiede da dove vengano tutte queste donne vergini”.
A dichiararlo all’AdnKronos il fotografo Oliviero Toscani commentando la condanna in primo grado a pagare una multa di 4mila euro per vilipendio alla religione cattolica. Toscani ai microfoni de “La Zanzara” immaginando di essere un marziano atterrato in una chiesa, si era lanciato in paradossi sull’iconografia religiosa: «Vedi uno inchiodato alla croce, un altare con bambini nudi che volano… Poi quell’altro sanguinante… la Chiesa sembra un club sadomaso». Da qui la condanna.

“Ipocriti gli italiani”

“Dico quello che vedo, faccio il fotografo. Parlo per immagini – sottolinea Toscnai- e le immagini disturbano. Siamo anche circondati dal problema della pedofilia dei preti. Che ipocriti gli italiani! In generale siamo un popolo di corrotti, corruttori e corruttibili. Credo che non ci sia nessuno più facile da corrompere, moralmente ed economicamente, degli italiani”.

“La politica piena di Alberti Sordi”

Per Toscani l’Italia è “un Paese ipocrita. Se si chiede in giro, nessuno dirà che ha votato per Berlusconi e nessuno per i Cinque Stelle. Ma che Paese siamo? Il nostro è un Paese che condanna chi racconta quello che vede. Siamo famosi al mondo per essere vigliacchi. Da questo punto di vista Alberto Sordi era un genio: ha fatto un ritratto perfetto degli italiani. E’ chiaro – aggiunge – che non piace generalizzare perché in Italia ci sono delle individualità incredibili. Solo che gli individui fantastici contano poco nel nostro Paese, hanno poca voce in capitolo. Noi ascoltiamo gli ‘Alberti Sordi’, di cui la politica è piena”, conclude il fotografo

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020