Dite al ministro Fontana che la normalità non esiste

Ricapitolando, il ministro Fontana ha scritto al Tempo per ribadire tre dei suoi cavalli di battaglia. Che sarebbero: «la mamma si chiama mamma (e non genitore 1), che il papà si chiama papà (e non genitore 2)» in primis. Quindi che «gli ultimi e gli unici che devono avere parola su educazione, crescita e cura dei bambini sono proprio mamma e papà». E infine che «battersi per la normalità è diventato un atto eroico». Che palle.

Formule burocratiche scambiate per linguaggio quotidiano

Il ministro Fontana

Adesso, non sarebbe complicato far capire addirittura a un bonsai che nessuno vuole sostituire i termini “mamma” e “papà” con genitore 1  e 2. Semplicemente, in alcuni documenti ufficiali – come quelli per le scuole, gli asili nido, ecc – si è utilizzato quelle diciture per fare in modo che tutte le famiglie, da quelle eterosessuali a quelle composte da una sola figura genitoriale, passando per le famiglie arcobaleno, siano rappresentate. Cosa non nuova, per altro. Quando ero alle medie, sul mio libretto delle giustificazioni c’era scritto “firma di un genitore o di chi ne fa le veci”. È una formula burocratica, insomma. Si usa nei moduli, non nei discorsi quotidiani. Come dicevo, lo capirebbe persino un alberello in miniatura. Fontana, a quanto pare, no.

L’ultima parola ai genitori non è un valore assoluto

È, invece, meno semplice far capire che le scelte educative dei genitori non hanno valore assoluto e si devono mettere in relazione, e a volte anche scontrarsi, con tutta una serie di fattori esterni a valori e pratiche del nucleo familiare. Se un papà musulmano vorrà avere l’ultima su una questione come quella di far sposare la figlia undicenne a un quarantenne in Bangladesh, interverrà l’autorità giudiziaria. Se in casa di una fervente mamma cattolica vale il principio per cui i gay vanno offesi e suo figlio deciderà di bullizzare il compagno di banco, la scuola dovrà provvedere. L’ultima parola ai genitori va bene quando si tratta di decidere a che ora andare a letto dopo cena. Poi c’è la civiltà.

Tra stamina e la libertà di insegnamento

Le famiglie arcobaleno, più volte prese di mira dal ministro

Dare l’ultima parola ai genitori significa dar concime a fenomeni come il no ai vaccini, per fare un solo esempio. O dare il via libera al delirio di eserciti di imbecilli che per aver visto un servizio in tv, in cui si dà credito al “metodo stamina” e cretinate simili, credono di saperne di più di un infettivologo su malattie sessualmente trasmissibili o che il cancro si cura con il bicarbonato. E invece come si gestisce una classe, cosa si insegna e cosa no, lo decidono gli insegnanti, perché c’è libertà di insegnamento. Come funziona un farmaco, lo sa bene un medico che lo somministra. Tutto il resto rientra nella vasta e imprescindibile categoria in cui lasciamo confluire le più invereconde cazzate. Ditelo a Fontana.

La normalità non esiste

Ma il podio del non senso lo conquista il discorso sulla “normalità”. Concetto che, per chi ha un minimo di nozioni di storia – e non tiro in ballo antropologia, sociologia e psicologia per non surriscaldare neuroni altrui, già messi a durissima prova – sa che “normalità” non vuol dire un bene amato cazzo. “Normalità” è il nome che diamo ad un sistema di convenzioni a cui tutti si abituano un po’ per quieto vivere, un po’ per pigrizia intellettuale. Un tempo erano normali la schiavitù o il fatto che le donne non potessero iscriversi all’università.

Normale non significa giusto

Se pensiamo che quei sistemi di esclusione sociale, sanciti da norme che creavano quelle normalità, appunto, erano funzionali a gestire i rapporti tra individui e il famigerato ordine pubblico, capiamo benissimo che “normale” non significa giusto e buono, ma conveniente. Conveniva agli schiavisti reputare normale la violazione dei diritti umani. E al sistema dominante lasciar permanere discriminazioni tra uomini e donne. Ciò che conviene, in pratica, non è necessariamente giusto. Soprattutto se conviene a certa gente. Brutta, per di più.

Un esercito di sfigati

Un momento del family day

La normalità di Fontana e del suo fan club oggettivamente sfigato – e no, non sto alludendo alle giovinezze perdute dei leader omofobi, al lessico obsoleto di qualche filosofo con evidenti problemi di accettazione, ai canti sgraziati di chi pensa di appartenere alla specie dei columbidi, dimenticando quanta merda possano produrre e con quali sgraditi effetti, ma della storia che ha fatto il suo corso è che li ha relegati tutti e tutte, spose sottomesse incluse, a finire sui libri nei panni della polvere che si depositerà su di essi – la loro normalità, dicevo, consiste nell’impedire a gay e lesbiche di vivere quanto più serenamente possibile. Che vita di merda che avete, ragazzi.

Quale Italia vogliamo far vincere?

Insomma, Fontana è niente di più che folklore. Come aver messo un tifoso da curva sud al ministero dello sport per lanciare un segnale. Pazienza se il segnale ha lo stesso spessore intellettuale di un petardo. Fa rumore, produce fumo e puzza. Poi torna nella dimensione esistenziale che più gli è consona. Il niente. Il vero problema non è lui, ma un’Italia incattivita, violenta e razzista. Un paese che non ha alcuna cultura e senso critico – e no, non è snobismo di sinistra: è descrizione del fenomeno – e che ha votato in massa, persone Lgbt incluse, certi loschi figuri. Se quel paese vince, vince anche Fontana. Se cambiamo registro culturale, le parole del ministro avranno lo stesso effetto di una flatulenza nella vastità del cosmo. Ciascuno faccia la sua scelta.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020