Categorie: News

Nonostante le minacce il Pride di Kiev colora l’Ucraina: 8mila persone (sotto scorta)

Migliaia di persone hanno partecipato al Pride di Kiev, in Ucraina, sotto stretta sorveglianza di polizia ma senza incidenti, nonostante la presenza di militanti di estrema destra e religiosi ostili all’iniziativa.

Il corteo circondato dalla polizia

Come riporta l’Agence France-Presse oltre 8mila secondo gli organizzatori i partecipanti alla marcia, che con bandiere arcobaleno e vestiti “favolosi” hanno sfilato sulle grandi arterie del centro della capitale ucraina. Il corteo era circondato da un imponente cordone di polizia. Erano dispiegati anche decine di veicoli delle forze dell’ordine e agenti a cavallo.

Nove arresti

Oltre un migliaio di militanti di estrema destra e membri di organizzazioni ortodosse hanno provato a ostacolare la manifestazione, scandendo slogan aggressivi, ma sono stati tenuti a distanza dalla polizia, che ha riferito di avere arrestato nove persone. Per la prima volta ha sfilato anche un gruppo di una decina di militari apertamente Lgbt, nonché veterani del conflitto nell’est dell’Ucraina.

L’omofobia in Ucraina

L’omofobia è ancora largamente presente in Ucraina, ma le autorità pro Ue, al potere dal 2014, sono determinate a mostrare la loro tolleranza, in particolare consentendo lo svolgimento dei pride diversamente da quanto avviene nella vicina Russia. Si trattava della prima sfilata Lgbt in Ucraina dall’elezione a maggio dell’ex comico Volodymyr Zelensky come presidente. A giugno del 2018 l’evento aveva raccolto a Kiev circa 5mila persone. La polizia allora aveva arrestato oltre 50 manifestanti di estrema destra che con la forza provavano a impedire la partenza del corteo. In Ucraina non c’è alcuna tutela per le unioni omosessuali e le persone LGBT sono ancora molto discriminate dal punto di vista legale, sui posti di lavoro e dalla società. Secondo un sondaggio dello scorso dicembre realizzato dal think tank Democratic Initiatives, riportato da Reuters, il 47 per cento degli ucraini pensa che i diritti delle minoranze sessuali debbano essere limitati, mentre il 37,5 per cento è contrario a ogni restrizione; il 15,6 per cento non ha un’opinione.

Condividi

Articoli recenti

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020