Categorie: FotoNews

#LicenziatePureMe: i vigili del fuoco ci mettono la faccia

Costantino Saporito non è solo. I colleghi si schierano contro il provvedimento disciplinare nei confronti del vigile del fuoco mettendoci la faccia nella protesta social #LicenziatePureMe.
Tutto ebbe inizio con la parata del Roma Pride dello scorso 10 luglio. Saporito prese parte alla manifestazione in compagnia di altri colleghi appartenenti all’USB (Unione Sindacale di Base). Circa quaranta persone in divisa hanno sfilato dietro allo striscione del sindacato ma solo una persona è stata chiamata a rispondere per l’uso non autorizzato della divisa. Per la sua partecipazione al Roma Pride, ora Costantino Saporito rischia il licenziamento. Nessun rimpianto: “Questa è una battaglia di avanguardia vera – rivendica il lavoratore – non ci possono essere diritti dei lavoratori se non ci sono i diritti delle persone. Per questo abbiamo partecipato e parteciperemo anche il prossimo anno”. Il pompiere paura non ne ha.

Condividi

Articoli recenti

Roma: blitz fascista al Village, l’estivo di Muccassassina

Ieri sera, prima di iniziare la serata dell'estivo di Muccassassina una brutta sorpresa: simboli fascisti all'ingresso del locale.

22 settembre 2019

Minoranza nella minoranza: cosa significa essere bisessuali in India

Essere bisessuali non è così difficile o strano da comprendere. Allora perché le gente continua a comportarsi come se lo…

21 settembre 2019

Quando ad esser cattivi sono i super eroi: ecco “The boys”, su Amazon Prime

Personaggi disfunzionali, abusi sessuali e preghiere per curare i gay... c'è di tutto nella nuova serie tv.

21 settembre 2019

Università russa spia studente: «Sei gay». E rischia l’espulsione

L'università degli Urali ammette di controllare i social degli studenti e ne accusa uno di fare propaganda gay

20 settembre 2019

Omofobia in Puglia, altra coppia gay allontanata da un lido a Gallipoli

La denuncia da parte di un ragazzo di trentasei anni e del suo compagno.

20 settembre 2019

Lorenzin nel Pd, Toccafondi in Italia Viva: i gay di partito non hanno niente da dire?

Arrivano gli omofobi dentro Pd e il nuovo partito di Renzi: le pattuglie Lgbt non hanno niente da dire?

20 settembre 2019