“Il giorno in cui mi disse: chiamami come un maschio”: il racconto del padre di un bambino trans

“Mi chiamo Joe Gharey e vivo a Brooklyn. Sono un insegnante, un imprenditore e un padre”. Inizia così la storia raccolta da Human Rights Campaign: la storia dell’amore paterno tra Joe e suo figlio transgender Penel.

Penel è nato in un corpo femminile tuttavia, come racconta lo stesso padre: “molto presto ho notato che c’era qualcosa di diverso nel modo nel modo in cui Penel interagiva con il mondo”.
I primi segnali giunsero già dai primissimi anni d’età: voleva che i suoi capelli fossero corti, ha sempre giocato a wrestling ignorando le bambole e si rifiutava di indossare vestitini.
Poi un giorno “Le ho detto ‘Hey, Penel, mamma mi ha detto che vorresti io ti chiamassi come un ragazzo -prosegue il racconto di Joe- ma ho bisogno di sentirlo da te’. E Penel mi ha detto ‘Vorrei essere chiamato come un ragazzo‘. Al che ho detto ‘Ok, ti parlerò come un ragazzo’. È stato proprio così semplice”.

“Ciò che voglio Penel non dimentichi mai è che io e la sua famiglia siamo sempre qui. E non importa ciò che accade, non importa quanto le cose si facciano difficili, sarò sempre qui e lui sarà sempre un grande. Ecco la felicità per me” conclude il padre.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020