Categorie: News

L’Isis pubblica le immagini shock dell’esecuzione di un (presunto) gay

La notizia è di questa mattina: i miliziani dell’Isis hanno giustiziato un altro uomo colpevole di essere omosessuale. Il metodo è sempre lo stesso: bendato e lanciato dal tetto di un palazzo davanti ad una folla assiepata ai piedi dell’edificio. L’organizzazione terroristica ha diffuso le immagini dettagliate dell’esecuzione che abbiamo scelto di non diffondere perché per i terroristi questo è un metodo di propaganda che non abbiamo intenzione di alimentare.

Ne abbiamo selezionata una soltanto perché sia chiaro come queste esecuzioni vengono vissute nei territori ancora sotto il controllo dei terroristi. Abbiamo, però, reso irriconoscibile il corpo, anche per una forma di rispetto alla vittima.
Prima di lanciare l’uomo dal palazzo, i miliziani hanno letto alla folla la sentenza, decisa perché il condannato sarebbe stato coinvolto in “attività omosessuali”. Il fatto, secondo quanto riporta Pink News, si è svolto a Maslamah (Aleppo) dinanzi alla folla che, una volta che il corpo è giunto ha terra, ha “terminato” l’uomo a sassate.

La lapidazione finale fa parte del metodo solitamente usato contro gli uomini sospettati di essere gay.
Non è la prima volta che l’Isis compie esecuzioni di questo tipo togliendo la vita a uomini di tutte le età colpevoli solo di essere ritenuti gay e, purtroppo, non sarà l’ultima. Riteniamo, comunque, che sia necessario continuare a raccontare queste storie perché non cali l’attenzione su quanto accade in Siria e su chi sono i miliziano del Califfato.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020