Categorie: News

Indiana: nuove regole renderanno più difficile avere la patente per le persone trans

Non sono tempi facili per le persone trans che vivono negli Usa. Se da una parte, infatti, lo stato del Michigan ha reso più facile il cambio di genere sui documenti, l’Indiana fa l’esatto opposto.
Con una scelta che va nel senso opposto rispetto all’autodeterminazione delle persone, l’Indiana ha proposto una legge secondo cui per avere la patente alla propria identità di genere, le persone trans devono presentare un documento del Dipartimento della Salute, firmato dal loro medico, in cui si dichiara che la persona è sotto cure professionali e sta ricevendo “trattamenti clinici appropriati per la transizione”.

Come cambia

Finora, invece, bastava presentare alla motorizzazione il certificato di nascita modificato o una lettera del proprio medico. La nuova regola colpisce soprattutto due categorie di persone. Da una parte quelle che vorrebbero sottoporsi a terapia ma non possono permettersela per questioni economiche (ricordiamo che negli Usa la sanità è soprattutto privata), dall’altra coloro che pur identificandosi in un altro genere non vogliono seguire il percorso medico.

Niente cambio di genere per le persone trans

Christine Meyer, direttrice della comunicazione della motorizzazione dell’Indiana ha dichiarato al Tribune Star che “non approveremo una modifica da maschio a femmina o a un genere X o con un simbolo neutro (previsti dalla legislazione dell’Indiana, ndr) fino a quando le nuove regole non saranno in vigore”. Tutto bloccato, dunque e nuovi ostacoli per l’autodeterminazione delle persone trans.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020