Categorie: News

India, sentenza storica della Corte Suprema: l’omosessualità non è più reato

Una sentenza storica della Corte Suprema indiana ha abolito oggi, 6 settembre 2018, l’antichissima legge che criminalizzava i rapporti sessuali tra maschi adulti consenzienti. Una battaglia che la comunità lgbt indiana porta avanti da anni e che è finalmente riuscita a debellare un’antica legge eredità dell’era coloniale.
Nella sentenza, emessa dopo settimane di dibattito, c’è scritto che la Sezione 377 è “irrazionale, indifendibile e manifestamente arbitraria”.
Centinaia di pagine che includono le testimonianze di decine di omosessuali su quanto sia orribile vivere di nascosto la propria vita, come provochi depressione, persecuzioni, abusi e l’impossibilità di fare un coming out che si trasforma, inevitabilmente, in una auto-denuncia.

Un precedente per altri stati

“Questa sentenza è enormemente significativa” ha commentato al New York Times Meenakshi Ganguly, direttore di Human Rights Watch per l’Asia del Sud. Rappresenta, infatti, anche un precedente per tutti gli altri paesi che sono ex colonie e in cui vigono leggi simili a quella appena abolita in India.

Tutta colpa dei coloni inglesi

Come ricorda il NYT, l’India è un caso particolare. L’Induismo, che è la religione predominante, è molto permissiva con le coppie dello stesso sesso. Templi antichissimi contengono rappresentazioni di incontri tra individui appartenenti allo stesso genere e alcuni miti indù parlano di uomini incinti.
La cultura indiana è profondamente cambiata durante la dominazione britannica. L’India divenne colonia inglese sotto la regina Vittoria sotto cui vigeva una morale molto rigida e conservatrice.
Nel 1860 gli inglesi introdussero nel codice penale indiano la Sezione 377 che prevedeva la condanna a morte per “chiunque abbia volontariamente relazioni carnali contro l’ordine naturale”. La legge era comunemente applicata alle coppie di uomini che facevano sesso tra loro, ma era applicabile a chiunque facesse sesso anale o orale.

Decenni di persecuzioni

Col passare dei secoli sempre più persone hanno fatto coming out e quella per abolire la Sezione 377 è diventata la battaglia preminente della comunità lgbt indiana che, grazie al supporto di alcuni avvocati per i diritti umani, è riuscita ad affermare il principio secondo cui si tratta di una legge anacronistica e pericolosa, oltre che inconsistente dal punto di vista giuridico.
A causa della Sezione 377, per decenni le persone omosessuali e trans indiane sono state perseguitate e vittime di violenze.

Condividi

Articoli recenti

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020