Categorie: News

Il Consiglio D’Europa bacchetta l’Italia: “Combatta l’omotransfobia nelle scuole”

Le autorità italiane devono metter in atto nelle scuole di ogni livello misure per promuovere la tolleranza e il rispetto tra gli alunni a prescindere dal loro orientamento sessuale o identità di genere” e non limitare le azioni di informazione, protezione e supporto ad attività extracurricolari unicamente su base volontaria condotte nella maggior parte casi su iniziativa delle organizzazioni non governative.
A chiederlo è la commissione contro il razzismo e l’intolleranza (Ecri), organo di monitoraggio del Consiglio d’Europa, che in un documento diffuso oggi giudica insufficiente quanto fatto finora dall’Italia su questo fronte.

Il monito nel 2016

Nel 2016 l’Ecri aveva chiesto all’Italia di dare la “priorità” alle azioni contro fenomeni come il bullismo legato all’orientamento sessuale l’identità di genere della vittima in ambito scolastico. Nel documento odierno l’Ecri valuta quanto fatto finora e osserva che “le autorità italiane hanno inviato informazioni sulle misure prese dal 2016 in base a quanto contenuto nella legge sulla ‘buona scuola’ allo scopo di promuovere la tolleranza e il rispetto reciproco”.

“Interventi solo delle associazioni, non basta”

L’organo del Consiglio d’Europa rileva che “tutte le azioni per dare agli alunni e studenti le informazioni, la protezione e il supporto di cui hanno bisogno per vivere in armonia con il loro orientamento sessuale e la loro identità di genere restano completamente volontarie e che, nella maggior parte dei casi, sono basate su iniziative condotte da organizzazioni non governative“.
L’Ecri evidenzia inoltre che “questo tipo di attività extracurricolari continua a scontrarsi con le forti resistenze di alcuni genitori, scuole e autorità regionali responsabili per questi interventi” e che “le iniziative condotte per promuovere la tolleranza e il rispetto tra i generi sono state spesso apertamente criticate e di conseguenza abbandonate”.
Come già evidenziato nel 2016 da Ecri, data questa situazione, i programmi extracurricolari a base volontaria non bastano per sormontare le difficoltà e potrebbero anche finire per avere un effetto controproducente

Condividi

Articoli recenti

“Il governo è contro di noi”: lettera aperta di un’attivista transessuale

La lettera di un'attivista transessuale sul caso del Progynova, vera e propria tassa a danno della comunità.

16 novembre 2019

Trans ugandese vittima di aggressioni in campo rifugiati kenyano

Un ragazzo trans ugandese è stato ferocemente aggredito in un campo rifugiati del Kenya. Cresce la violenza in Uganda.

15 novembre 2019

Stipendio dimezzato perché gay: «Guadagnerai come le altre donne». Poi viene licenziato

«Non posso credere che tu guadagni quanto le altre donne dell'ufficio». Una storia di discrimazione, omofobia e gender gap

15 novembre 2019

Hiv: 15 mila persone in Italia l’hanno contratto e non lo sanno

L'1 dicembre, Giornata Mondiale della lotta contro l’Aids, si avvicina: a Roma incontoro su “Hiv, presente e futuro del paziente…

14 novembre 2019

Amnesty denucia: donne attiviste, gay e atei nel mirino delle autorità saudite

Amnesty International denuncia duramente il video diffuso dal Dipartimento saudita per la lotta all’estremismo nel quale sono stati inclusi femminismo,…

14 novembre 2019

TDoR: a Torino Star.T, la festa per celebrare i talenti trans

Torino lancia "Stra.T", la festa per celebrare le eccellenze trans con una formula inedita. Una serata organizzata dal Comitato Torino…

14 novembre 2019