Categorie: News

Il Comune di Milano cambia rotta: trascritta una coppia di papà per via amministrativa

Il Comune di Milano ha riconosciuto in via amministrativa – senza cioè che vi sia un ordine da parte dei giudiciuna famiglia con due padri, informa Famiglie Arcobaleno, associazione dei genitori omosessuali italiani.

La notizia arriva dopo alcune trascrizioni ordinate dal Tribunale (la prima a ottobre del 2018) e riguarda una coppia gay da tempo socia dell’associazione e seguita nella vicenda dall’avvocata Susanna Lollini, del gruppo legale di Famiglie Arcobaleno e di Rete Lenford .
I genitori hanno avuto due figli concepiti tramite gestazione per altri negli Stati Uniti, oggi di 1 e 5 anni. Per il primo figlio la coppia aveva avuto un provvedimento giudiziario favorevole al riconoscimento della doppia paternità nel 2018. Nel secondo caso invece la giunta aveva deciso di sospendere le trascrizioni per i bambini e le bambine figli di coppie gay, decisione che Famiglie Arcobaleno ha denunciato come discriminatoria.

Un lungo confronto

La coppia di padri, dopo lungo confronto con l’amministrazione, ha formalizzato la richiesta allo stato civile per il riconoscimento del secondo figlio ai primi di novembre. Non ricevendo risposta dopo i canonici 30 giorni, i genitori si sono rivolti al Tribunale che con una pronuncia del 20 febbraio, pur lasciando libertà agli uffici di decidere per l’accettazione o il diniego, ha ordinato di provvedere entro trenta giorni, “riservando all’esito ogni determinazione”.

La trascrizione senza la pronuncia del Tribunale

Il Comune ha deciso di trascrivere senza attendere la pronuncia del Tribunale, del quale comunque è noto l’orientamento favorevole.
“Ci auguriamo indichi un cambio di rotta” commenta la presidente dell’associazione, Marilena Grassadonia “di cui potranno beneficiare altre coppie, senza dover più intraprendere la lunga strada dei ricorsi legali”

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020