Categorie: CoolNews

“Fedez, sei gay?” e il rapper gli sferra un pugno

Una rissa durante il Nameless Festival di Barzio (Lecco), nata da quello che lo staff di Fedez ha definito “una provocazione”. Protagonisti proprio il rapper e il presentatore della kermesse, Mc Cece. Tra i due da tempo non corre buon sangue. Secondo la versione dei fatti fornita dallo staff del giudice di Xfactor, Mc Cece per mesi ha continuato a lanciare messaggi contro Fedez tramite i social network usando la parola “gay” con accezione negativa. “La verità è che Fedez è gay” o “il gay non dichiarato continua a combinarne!”, avrebbe scritto il presentatore del festival e quando l’altra sera il rapper è andato al Nameless, Mc Cece ha colto l’occasione per insistere. “Sei gay?” ha chiesto a Fedez che ha interpretato la domanda come l’ennesima provocazione e gli ha sferrato un pugno. Circostanza che l’entourage di Fedez non smentisce. “Come se poi ci fosse qualcosa di male (nell’essere gay, ndr) – spiegano a Repubblica i collaboratori del cantante – non è quello. È solo un provocatore”.

La versione di Mc Cece è diversa e l’ha raccontata in un post su Facebook: “Ci ha provato in tutti i modi a rovinare il Nameless il ‘rapper’ Fedez! Tirarmi un pugno alla domanda ‘#seigay’ e farsi difendere dal suo buttafuori non ti fa uomo! Non ti fa artista! Non ti fa nemmeno onore! Presento questo festival da sempre e venire qui ad alzare i toni con Alesso e con me dovrebbe farti capire che hai bisogno di aiuto”. “Ormai è tutto chiaro – commenta chi lavora con l’lartista milanese – Fedez fa notizia e va dipinto come il tatuato cattivo che regala risse in ogni dove”. “Un tale Mc Cece si è prodotto in una serie di insulti discriminatori via social e non si è risparmiato in commenti allusivi nei confronti di Fedez – spiegano – su un palco con microfono in mano. E ora tenta di ‘gonfiare’ l’episodio per ottenere pubblicità indiretta”.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020