Categorie: News

La Conferenza sulla famiglia è finita: ecco cos’ha detto Arcigay durante i lavori

Sono da poco terminati i lavori della contestatissima Conferenza sulla famiglia. Contestata perché sono rimaste escluse Famiglie arcobaleno e Rete dei genitori rainbow, facendo passare l’idea che le famiglie delle persone lgbt non siano degne di attenzione da parte del governo e dell’Osservatorio nazionale sulla famiglia che ha organizzato l’evento. Alla conferenza, però, erano invitate Arcigay e Agedo.

Poco fa, con una nota, Arcigay ha reso note le posizioni espresse durante i lavori. L’associazione era rappresentata dal segretario Gabriele Piazzoni e da una delegazione composta da Ottavia Voza, responsabile politiche trans, e Salvatore Simioli, vicepresidente nazionale.

Il segretario nazionale di Arcigay, Gabriele Piazzoni

Matrimonio e adozioni

“Durante la due giorni – spiega Piazzoni – abbiamo posto l’accento sull’evoluzione dei modelli familiari e sottolineato la necessità del superamento, dal punto di vista legislativo, dei due istituti giuridici separati per coppie di omo e eterossessuali (matrimonio e unione civile). Abbiamo inoltre ricordato che lo stralcio della stepchild adoption dalla legge sulle unioni civili ha lasciato senza tutele i figli di molte coppie formate da persone dello stesso sesso. Occorre quindi farsi carico immediatamente di questa grave lacuna, introducendo sia l’adozione del figlio del partner sia l’adozione per coppie unite civilmente e per i single”.

Procreazione medicalmente assistita

Sul tema della filiazione, poi, l’associazione ha posto l’accento sulla questione della procreazione medicalmente assistita. “È urgente superare l’esclusione delle coppie same-sex dall’accesso alle tecniche di procreazione assistita – prosegue il segretario di Arcigay -, che ancora sopravvive nella famigerata legge 40”. Arcigay ha anche chiesto di superare “l’equivalenza tra famiglia e matrimonio e tra famiglia e obbligo riproduttivo, perché esistono famiglie, e molte, anche fuori da questi due paradigmi. È in quest’ottica che vanno ripensati anche tutti i modelli di welfare”.

Le associazioni escluse

Arcigay non ha mancato di rimarcare l’assenza delle altra associazioni ed ha scelto di farlo con la sottosegretaria Boschi che pure, mercoledì scorso, aveva incontrato Famiglie arcobaleno e Rete dei genitori rainbow. “A conferenza conclusa – dice Piazzoni -, abbiamo avvicinato la sottosegretaria Maria Elena Boschi per esprimere il nostro rammarico per la rappresentanza monca del mondo lgbti a questo appuntamento istituzionale, che di fatto, pur aprendo per la prima volta le porte al nostro mondo, ha escluso le associazioni che più strettamente rappresentano le famiglie omogenitoriali. Con la sottosegretaria abbiamo condiviso l’auspicio che questa esclusione sia definitivamente superata già a partire dai prossimi appuntamenti istituzionali sul tema”.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020