Categorie: News

Cirinnà risponde a Roccella e Meloni: “È incostituzionale cancellare le unioni civili”

“La parte più arretrata del centrodestra si ostina a suonare un disco rotto che non sente più nessuno”. Così la senatrice Monica Cirinnà, madrina della legge sulle unioni civili, risponde alle dichiarazioni di Eugenia Roccella e Giorgia Meloni sulla sua legge. “Millantano di poter abolire la legge sulle unioni civili e coppie di fatto che, in realtà, ha cambiato il Paese e ha un serio fondamento costituzionale nella sentenza Corte Cost. 138/2010 – spiega la senatrice dem in un post pubblicato su Facebook – . Lo sanno bene Giorgia Meloni & C. che stanno prendendo in giro perfino i loro elettori”.

Il referendum fallito

“A loro chiedo: che fine ha fatto la raccolta di firme per indire il referendum abrogativo che tanto avevano annunciato all’indomani dell’approvazione della legge – incalza Cirinnà -? La smettano di continuare ad accanirsi contro i sentimenti, i diritti e le persone che chiedono solo di potersi amare con quella dignità e quel riconoscimento giuridico sancito finalmente dalla legge 76/2016”.
In realtà, il referendum a cui fa riferimento la senatrice non è mai andato in porto. Il comitato promotore, di cui Roccella faceva parte insieme a Malan e Giovanardi, non è mai riuscito a raccogliere le firme necessarie per presentare il quesito.

“Riconosciute tante famiglie, anche quella di Giorgia Meloni”

“Il grande numero di unioni civili celebrate e di famiglie conviventi riconosciute, compresa quella di Giorgia Meloni, sono la prova evidente che anche attraverso questa riforma si dimostra la differenza culturale e politica tra il Partito democratico, traino del centrosinistra, e una destra oscurantista e antistorica”. La leader di Fratelli d’Italia, infatti, non è sposata e convive con il suo compagno che è il padre di sua figlia. “Il Pd vuole continuare a portare l’Italia sempre più avanti sui diritti e sul welfare – conclude -, mentre la destra sa solo alimentare paure e omofobia”.
A differenza del collega di partito Sergio Lo Giudice, Monica Cirinnà è stata ricandidata nelle liste del Pd. Corre al proporzionale del Senato nel collegio Lazio 3.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020