Categorie: NewsVideo

Certi diritti, liberato Yuri Guaiana

“Yuri Guaiana è stato liberato”. Ad annunciarlo è Leonardo Monaco, segretario di Certi Diritti.

L’attivista lgbt, membro del direttivo dell’associazione radicale, si trovava in stato di fermo a Mosca da questa mattina dopo aver tentato di consegnare le firme della petizione contro le violenze in Cecenia.

Yuri Guaiana è stato rilasciato. La nostra richiesta di rispetto dei diritti umani in Cecenia e nel mondo non si fermerà.

Sostieni la nostra Associazione: www.certidiritti.org/donazioni

Posted by Certi Diritti on Thursday, May 11, 2017

Viotti: Russia sempre più ostile. Alfano intervenga sul caso ceceno

“Una bellissima notizia” gioisce Daniele Viotti che aveva richiesto l’intervento di Federica Mogherini. “Ora -prosegue l’eurodeputato- dobbiamo tenere alta l’attenzione per tutti gli altri attivisti russi che erano con lui e di cui ancora non si hanno notizie. La Russia sta diventando un Paese sempre più ostile nei confronti di attivisti, giornalisti e liberi cittadini. L’arresto di Yuri rappresenta un avvertimento a quanti vorrebbero andare in Russia anche solo per incontrare un pubblico ufficiale. Quello che Putin ha detto ai leader europei, cioè di non intromettersi in cose che non li riguardano, si sta trasformando in una minaccia fisica”
Infine, un appello ad Alfano: “Oggi è più che mai necessario che il nostro ministro degli esteri Angelino Alfano trovi il coraggio di denunciare quanto sta avvenendo in Cecenia“.

Condividi
Tags: Yuri Guaiana

Articoli recenti

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020