Categorie: News

Cara Delevigne: «Weinstein disse “da lesbica non farai carriera”»

Anche l’attrice Cara Delevigne è stata vittima del tycoon del cinema Harvey Weinstein che l’avrebbe costretta a fingersi etero per fare carriera.

CARA DELEVIGNE

Attualmente impegnata nella produzione Amazon Prime Carnival Row, con Orlando Bloom. È stata prima modella, poi attrice: Cara Delevigne ha iniziato la sua carriera cinematografica nel 2014 partecipando a diverse pellicole. Da là ha iniziato a farsi notare, per bravura e bellezza, fino al 2016, anno in cui ha incontrato Weinstein e le molestie sono iniziate.

IL RAPPORTO CON WEINSTEIN

È stata proprio Cara Delavigne a raccontare che «Una delle prime cose che Weinstein mi ha detto è stata che non ce la avrei mai fatta nel mondo del cinema come donna lesbica. Mi disse di farmi crescere la barba. Quando ho iniziato a fare provini faceva nomi di donne delle quali sono amica, donne famose, chiedendomi se avessi fatto sesso con loro. Era fuori di testa».

MOLESTIE

Cara Delevigne sostiene che in un altra occasione Weinstein avrebbe provato a toccarla in maniera inappropriata. Le avrebbe anche chiesto di baciarsi in maniera decisa con un altra attrice davanti a lui.

LE ACCUSE CONTRO WEINSTEIN

A oggi sono più di cento, la maggior parte attrici famose, ad aver accusato Weinstein di essersi comportato in maniera scorretta, di averle molestate e stuprate. Tra di loro: Rose McGowan, Gwenyth Paltrow, Angelina Jolie, Cate Blanchett, Lupita Nyong’o e Daryl Hannah. Weistein è in attesa di essere processato con l’accusa di stupro.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020