Categorie: News

“Ci vorrebbe la camera a gas”: minacce omofobe in provincia di Avellino

«Schifoso ricchione ma quando ti cacciano di casa?! Sei la vergogna di Montemiletto. Ci vorrebbe la camera a gas. È meglio che ti uccidi».
Questo il contenuto di un biglietto trovato in serata sotto casa da Alessandro Reda, uno studente dell’università di Salerno.
È stato lui stesso a denunciarlo attraverso un post sul proprio profilo Facebook:
“Stasera – ha scritto Alessandro- qualche delinquente mi ha fatto trovare questo biglietto sotto la porta. A quanto pare non aveva il coraggio di dirmelo in faccia. Chi ha scritto questo messaggio a me indirizzato non solo attacca me ma attacca un’intera comunità. Non mi fermerete con le vostre intimidazioni e il vostro odio. La maggioranza dei miei compaesani non è con te o con voi. Sono fiero di quello che sono, la mia famiglia mi ama e continuo per la mia strada”

Arcigay:”Clima insopportabile. Serve denunciare”

Il comitato Territoriale Arcigay Salerno “Marcella Di Folco” oltre ad esprimere piena solidarietà ha dichiarato, in una nota stampa, di essere disposto a mettere “gratuitamente le proprie professionalità legali” a disposizione della vittima.
“E’ l’ennesimo atto di violenza a cui assistiamo sui nostri territori – ha spiegato il presidente Francesco Napoli, – Siamo naturalmente vicini alla vittima ed orgogliosi della sua risposta. Ma siamo anche vicini a tutte quelle vittime silenziose che ogni giorno vivono drammi di questo genere, spesso anche peggiori. Diciamo loro che ci siamo e che siamo pronti ad aiutarli. Diciamo a tutte e tutti di denunciare violenze e offese, da chiunque provengano ed in qualunque situazione si verifichino”.

Inoltre Arcigay Salerno chiede alle istituzioni locali quali interventi ritengano porre in essere per pervenire all’individuazione degli aggressori e per attivare politiche di contrasto all’omofobia ed al bullismo omofobico


Aggiornamento 11 marzo
Avevamo incorporato il post di denuncia di Alessandro che riportava le minacce ricevute. Il post è stato momentaneamente rimosso dall’autore a seguito di una serie di messaggi che lo accusano di “messa in scena”. Questo è la foto del biglietto. Alessandro conferma l’autenticità delle minacce.

Condividi

Articoli recenti

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020

Potenza, aggredita ragazza: “Vuoi fare il maschio? Le persone come te devono morire”

Aggredita mentre camminava per strada, insultata e pestata a suon di pugni. E' a Giulia Ventura, una trentenne di Potenza…

18 gennaio 2020

“Cosa succede quando dico a qualcuno che sono demisessuale”

Riceviamo e pubblichiamo la storia di F.G. un ragazzo demisessuale.

16 gennaio 2020

Regno Unito: trasmissioni di HIV calate del 73 per cento tra gli uomini gay e bisessuali

Secondo quanto riferisce la BBC, nel Regno Unito il numero di diagnosi di HIV è drasticamente calato dal 2014 ad…

16 gennaio 2020