Categorie: News

Caccia ai gay in Tanzania: via l’ambasciatore dell’UE che aveva criticato il governo

L’ambasciatore dell’Unione europea in Tanzania è stato “richiamato per consultazioni”. O, almeno, questa è la versione ufficiale. Alcune fonti locali sostengono, invece, che il diplomatico sia stato invitato a lasciare a seguito delle sue denunce contro il governo per le violazioni dei diritti umani e civili.
Il governo tanzaniano -scrive il quotidiano nazionale The Citizennega di averlo espulso mentre, secondo il vice Charles Stuart che ne prende il posto, l’ambasciatore Roeland van de Geer “è stato richiamato in sede a Bruxelles per consultazioni a livello politico la prossima settimana sull’attualità in Tanzania”.

Dopo giorni di voci, sul caso è intervenuto anche il ministro degli Esteri, Augustine Mahiga, secondo il quale la decisione di lasciare il paese è stata presa dopo una “consultazione” fra le due parti e “valutata con attenzione”. Secondo Citizen, però, fonti “credibili” affermano che l’ambasciatore sia stato invitato a lasciare dal governo a causa di attriti politici: “Ci sono state controversie recenti fra le due parti su problemi di diritti umani, che hanno avuto risonanza sui media“, ha dichiarato una fonte diplomatica che ha chiesto di restare anonima.

La caccia ai gay

Per la comunità omosessuale, la situazione in Tanzania è sempre più critica. Il sesso tra uomini è illegale e, in generale, l’omosessualità è fortemente stigmatizzata all’interno della società. Ad aggravare la situazione si aggiungono le dichiarazioni di Paul Makonda, governatore della capitale economica della Tanzania, il quale ha annunciato la creazione di una squadra di sorveglianza il cui unico scopo sarà andare a “caccia” di gay: “Il mio team -ha annunciato Makonda- inizierà a mettere loro le mani addosso a partire da lunedì”.

Guarda anche: Tanzania, il governatore di Dar Es Salaam dà il via alla “caccia” ai gay

Condividi

Articoli recenti

La più giovane premier finlandese, figlia di una donna lesbica che l’ha cresciuta con la compagna

Per la Finlandia e per il mondo l’otto dicembre rimarrà una data storica: l’elezione di Sanna Marin a prima ministra…

9 dicembre 2019

Quando Boris Johnson esaltava Pinochet e già attaccava i gay

Lo spettro di un articolo scritto per The Spectator quando Boris Johnson, il premier britannico aveva trent’anni, aleggia sulla sua…

9 dicembre 2019

«Sono repubblicana da una vita». Donna trans licenziata dal posto di lavoro

I pregiudizi colpiscono chiunque, anche chi si descrive «repubblicana da una vita». E così, Erin Dotten, proveniente dalla Florida, si…

9 dicembre 2019

Venture: come sconfiggere le fake news e l’omofobia con un gioco di carte

Si chiama Venture ed è un gioco di carte che si prefigge di sconfiggere le fake news. Ed ha deciso…

9 dicembre 2019

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019