Categorie: News

Caccia ai gay in Tanzania: via l’ambasciatore dell’UE che aveva criticato il governo

L’ambasciatore dell’Unione europea in Tanzania è stato “richiamato per consultazioni”. O, almeno, questa è la versione ufficiale. Alcune fonti locali sostengono, invece, che il diplomatico sia stato invitato a lasciare a seguito delle sue denunce contro il governo per le violazioni dei diritti umani e civili.
Il governo tanzaniano -scrive il quotidiano nazionale The Citizennega di averlo espulso mentre, secondo il vice Charles Stuart che ne prende il posto, l’ambasciatore Roeland van de Geer “è stato richiamato in sede a Bruxelles per consultazioni a livello politico la prossima settimana sull’attualità in Tanzania”.

Dopo giorni di voci, sul caso è intervenuto anche il ministro degli Esteri, Augustine Mahiga, secondo il quale la decisione di lasciare il paese è stata presa dopo una “consultazione” fra le due parti e “valutata con attenzione”. Secondo Citizen, però, fonti “credibili” affermano che l’ambasciatore sia stato invitato a lasciare dal governo a causa di attriti politici: “Ci sono state controversie recenti fra le due parti su problemi di diritti umani, che hanno avuto risonanza sui media“, ha dichiarato una fonte diplomatica che ha chiesto di restare anonima.

La caccia ai gay

Per la comunità omosessuale, la situazione in Tanzania è sempre più critica. Il sesso tra uomini è illegale e, in generale, l’omosessualità è fortemente stigmatizzata all’interno della società. Ad aggravare la situazione si aggiungono le dichiarazioni di Paul Makonda, governatore della capitale economica della Tanzania, il quale ha annunciato la creazione di una squadra di sorveglianza il cui unico scopo sarà andare a “caccia” di gay: “Il mio team -ha annunciato Makonda- inizierà a mettere loro le mani addosso a partire da lunedì”.

Guarda anche: Tanzania, il governatore di Dar Es Salaam dà il via alla “caccia” ai gay

Condividi

Articoli recenti

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020

Primo matrimonio egualitario in Irlanda del Nord: le nozze di Sharni e Robyn

Il primo sì pronunciato da una coppia lesbica: il Irlanda del Nord la legge è cambiata a ottobre 2019.

11 febbraio 2020