Categorie: News

Brasile: per Bolsonaro si conferma la condanna per omofobia

Il Tribunale di giustizia di Rio de Janeiro ha confermato una condanna a carico del presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, per dichiarazioni omofobe: lo rende noto Rio Times, sottolineando che, in base alla condanna, il capo di Stato dovrà pagare 150 mila reais (43 mila euro) per danni morali.

La frase incriminata

I fatti risalgono al 2011, quando Bolsonaro era parlamentare di Brasilia: alla domanda su cosa avrebbe fatto se avesse avuto un figlio gay, l’allora deputato rispose che questo non sarebbe mai successo perché i suoi figli avevano ricevuto “una buona istruzione”.

I precedenti

Il rosario di dichiarazioni omofobe firmate da Bolsonaro è lungo. Nel giugno 2011 aveva dichiarato: “Sarei incapace di amare un figlio omosessuale. Non sarò un ipocrita: preferirei che mio figlio morisse in un incidente piuttosto che presentarsi con un tipo con i baffi”. Andando ancora più indietro, al 2002, affermò: “Se vedo due uomini che si baciano per strada, li uccido”. Più recentemente, nel mese di aprile ha fatto discutere l’ultimo affondo alla comunità Lgbt rilasciare a “Crusoé magazine”: “Se pensi di venire qui e fare sesso con una donna, vai per la tua strada. Il Brasile non può essere il paese del mondo gay, del turismo gay”, ha aggiunto.

Condividi

Articoli recenti

Toilette “gender free”: all’Università di Torino è scontro con i collettivi di destra

L'iniziativa mandata avanti da un collettivo indipendente. Ma la destra nostalgica non ci sta...

6 dicembre 2019

Seattle, 10.000 lucine di Natale arcobaleno contro i vicini bigotti

L'iniziativa di una donna gay-friendly, contro i vicini omofobi. Succede a Seattle, negli USA.

6 dicembre 2019

Boston, giovane uomo aggredito con pala e taglierina perché gay

Un'aggressione immotivata, per le strade di Boston.

6 dicembre 2019

Gran Bretagna, nasce primo bambino da “gravidanza condivisa”

Dalla Gran Bretagna una nuova tecnica, che permette di "condividere" la maternità.

5 dicembre 2019

Vuole comprare un gatto: «Non vendiamo a transessuali». La denuncia

«Evidentemente quando il venditore ha visto la mia foto profilo su WhatsApp, si è indignato, è rimasto sconvolto».

5 dicembre 2019

Lipsia, l’allenatore Nagelsmann a favore del coming out

Un'importante apertura dal mondo del calcio, tradizionalmente ostile al mondo Lgbt+.

5 dicembre 2019