Categorie: News

Bolsonaro in foto con un uomo implicato nell’omicidio di Marielle Franco

Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro è stato fotografato in atteggiamento molto amichevole con un uomo sospettato di essere tra gli assassini di Marielle Franco. E’ la seconda volta che Bolsonaro viene immortalato con una persona implicata nell’omicidio dell’attivista e politica lesbica. A marzo scorso, infatti, era circolata una foto del presidente brasiliano con Élcio Vieira de Queiroz, un ex poliziotto accusato di essere colui che guidava la macchina da cui sono partiti i colpi di pistola che hanno ucciso Marielle.
Come riporta il Guardian, l’arresto di Queiroz ha alimentato la pista secondo cui la donna sarebbe stata uccisa dai paramilitari che controllano alcune aree di Rio de Janeiro. Sono proprio gli ex militari, infatti, a guidare queste formazioni.

La giornalista Glenn Greenwald ha commentato su Twitter: “Nessuna di queste foto significa che Bolsonaro sia coinvolto nell’assassinio di Marielle. Questo è improbabile. Ma mostrano quanto siano interconnessi e stretti i legami della famiglia Bolsonaro con le milizie”.

L’uomo nella foto con Bolsonaro è Josinaldo Lucas Freitas, un istruttore di arti marziali, arrestato giovedì scorso e accusato di avere nascosto le pistole usate nell’omicidio di Marielle gettandole in mare.
Poco dopo l’arresto di Freitas, sono spuntate due foto, pubblicate dal settimanale conservatore Veja. La prima è quella che vedete, con Bolsonaro. La seconda ritrae l’uomo con il figlio di un consigliere di del presidente
Ora gli oppositori di Bolsonaro e alcune associazioni chiedono al presidente delle spiegazioni. “Bolsonaro deve spiegare che tipo di relazione ha con questo signore” ha dichiarato Antônio Carlos Costa, fondatore della ONG di Rio de Paz.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020