Categorie: News

Bimbo tolto alla madre, l’Ordine degli assistenti sociali: “Oliata macchina del fango”

Parla di “oliata macchina del fango”, il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali che interviene sulla vicenda del ragazzo di 13 anni tolto ai genitori con un provvedimento del Tribunale per i Minori di Venezia. In una nota diffusa ieri, l’Ordine rivendica e difende il lavoro degli assistenti sociali che hanno seguito il caso.

Le parole del presidente del Consiglio dell’Ordine

Gianmario Gazzi, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti sociali

“Chi ha voluto utilizzare argomenti utili solo a condizionare l’opinione pubblica a pochi giorni dalle decisioni che a breve dovranno essere adottate dalla Magistratura, ha stralciato e decontestualizzato intere parti del provvedimento del Tribunale dei Minorenni cercando di dimostrare, pur se falso, l’indimostrabile – ha dichiarato il presidente del Consiglio Nazionale Gianmario Gazzi -: il minore, infatti, non è stato affatto allontanato dalla famiglia perché mostrava atteggiamenti effeminati, ma in quanto nella famiglia erano venute a mancare le condizioni minime necessarie per la sua crescita equilibrata”. Un aspetto, quello delle condizioni generali della famiglia in questione, che Gaypost.it aveva già posto all’attenzione dei lettori.

Contro i media e chi strumentalizza

Gazzi attacca “le ardite campagne di stampa che da anni qualcuno, interessato, conduce facendo del dileggio, dell’insulto, dell’insinuazione e della intimidazione le sue armi preferite”.
Non risparmia neanche i media, il presidente. “Misura e cautela avrebbero suggerito i necessari approfondimenti critici con le opportune verifiche di merito con tutte le controparti – incalza Gazzi -e non solo accettando la versione, interessata, di una sola. Il danno, ormai, è stato compiuto: primo fra tutti aver violato la doverosa protezione di un minore, previsto dalle norme e dai codici deontologici. Un’altra occasione persa, tra l’altro, per dimostrare il reciproco rispetto e la reciproca conoscenza dei ruoli e delle funzioni delle diverse figure professionali di quanti operano su questi delicati argomenti”.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020