Categorie: News

Belgrado Pride, qualche tensione. Sfila anche Ana Brnabic

Il Pride serbo ha sfilato domenica tra le strade di Belgrado non senza qualche tensione. In parata anche la prima ministra Ana Brnabic.

TENSIONI

Le provocazioni e i tentativi di bloccare il Pride sono arrivati, manco a dirlo, da gruppi di estrema destra. Qualche ora prima della parata circa centocinquanta persone si sono riunite per cercare di fermare la manifestazione. Molti di loro avevano in mano cartelli cristiano-ortodossi, crocefissi e hanno intonato canti religiosi. Alcuni si sono presentati vestiti da monaci.

FERMI E ARRESTI

Almeno cinque contestatori sono stati portati via dalla polizia per essersi rifiutati di muoversi dal percorso del corteo. Dopo il loro fermo la parata si è svolta senza incidenti.

ANA BRNABIC

Ana Brnabic ha sfilato al Pride di Belgrado insieme alla sua compagna. Brnabic è la prima ministra della Serbia, dichiaratamente lesbica e prima omosessuale dichiarata del partito conservatore serbo. «Oggi stiamo mandando un messaggio di tolleranza che deve essere preservato in Serbia. Penso che stiamo andando nella giusta direzione».

CONTESTATA ANCHE BRNABIC

Brnabic non è molto popolare nella comunità Lgbt+ serba e della capitale, perché secondo alcuni avrebbe fatto pochissimo per promuovere politiche amiche da quando è stata eletta. Molti i cartelli dedicati a lei, tipo uno striscione in cui si chiedeva “Prima ministra, com’è vivere da privilegiati?”

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020