Categorie: News

L’Angola depenalizza l’omosessualità: è il primo paese del 2019 a farlo

L’Angola ha ufficialmente depenalizzato l’omosessualità, eliminando dal codice penale l’articolo che condannava “il vizio contro natura” e che era stato interpretato fino ad oggi come divieto più o meno esplicito delle relazioni e dei rapporti tra persone dello stesso sesso. La legge era stata introdotta durante il periodo coloniale, con la dominazione portoghese. Nonostante l’indipendenza, nessun governo aveva mai abrogato la norma.

Un’eredità coloniale

L’associazione Iris Angola

L’Angola è così il primo paese del 2019 a compiere un così importante passo in avanti, rispetto alla depenalizzazione delle sessualità non normative. «Una reliquia arcaica e insidiosa» ha commentato Graeme Reid, direttore del programma Lgbt dell’associazione Human Rights Watch. Ricordando, ancora, che sul solco del paese africano, anche gli altri stati – sessantanove paesi in tutto il mondo – che perseguitano gay, lesbiche, trans, ecc, dovranno seguirne l’esempio.

Il divieto di discriminazione

Il governo angolose ha anche predisposto il divieto di discriminazione delle persone Lgbt. Discriminazione che da oggi potrebbe essere punita fino a due anni di prigione. Questo provvedimento ne segue un altro, del giugno scorso, in cui si riconosceva – legalizzandola – un’associazione per i diritti della gay community, Iris Angola. Segno che il vento, in Africa (e soprattutto nel paese in questione) sta cambiando profondamente. Intanto le associazioni locali festeggiano, parlando di svolta storica.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020