Categorie: News

Tiziano Ferro si racconta: la storia con Viktor, la genitorialità e l’importanza di una legge

“Ho sempre amato il silenzio: adesso ascolto la tua voce nella stanza accanto e mi sento a casa”. Con questa promessa Tiziano Ferro ha celebrato durante il weekend a Sabaudia il suo matrimonio con Victor Allen, dopo una prima cerimonia segreta avvenuta a Los Angeles il 25 giugno.

La notizia e la foto sono state affidate in anteprima esclusiva a Vanity Fair, che nel numero in edicola da mercoledì pubblica l’intervista in cui il cantautore ‒ che proprio sul settimanale aveva fatto coming out nel 2010 ‒ racconta la storia d’amore con l’americano marketing manager (che ha 54 anni, 15 più di lui) e la scelta di sposarsi, in realtà frutto non di una decisione maturata nel tempo, ma da un’iniziativa a sorpresa di Victor.

La proposta di matrimonio

“Il giorno del mio compleanno – racconta ferro a Vanity Fair – mi chiede se gli faccio quello che lui chiama il ‘novio coffee’, una bevanda di mia invenzione – novio vuol dire fidanzato in spagnolo – a base di caffè alla nocciola, dolcificante e panna alla cannella. Una cosa imbevibile che piace solo a lui. Io penso: che palle, è il mio compleanno e devo farti il caffè? Comunque lo faccio. Lui intanto mi dice: ‘Ho preso due tazze, le ho fatte incidere’… Io sempre più scazzato ne prendo una su cui c’è scritto ‘amore’ in italiano. Lui: ‘Guarda anche l’altra’. La prendo in mano e comincio a leggere, è in italiano, c’è scritto: vuoi sposar… Mi giro prima di finire, Victor è in ginocchio, con un pacchettino di Tiffany in mano. Ho perso totalmente il controllo di me stesso. Ricordo solo le mie spalle che sobbalzano: ho pianto per venti minuti senza riuscire a dire una parola. Comunque andrà la nostra storia, Victor sarà l’unica persona al mondo ad avermi regalato quella sfumatura di gioia assoluta che non provavo più dalla mia infanzia”.

Il primo appuntamento da Starbucks

Ferro e Allen, spiega il cantautore nell’intervista, stanno insieme da tre anni, da quando si incrociarono a Los Angeles in un corridoio della Warner Bros, dove Tiziano doveva girare il video di un brano e dove Victor lavorava. Anche allora ci fu di mezzo un caffè: l’italiano cercava uno Starbucks, l’americano ‒ che non aveva idea fosse un musicista di successo ‒ lo invitò per un macchiato… e da cosa nacque cosa.

“Il mio matrimonio spero possa servire agli altri”

Fino al doppio matrimonio: un centinaio di amici americani a Los Angeles (“Chi l’avrebbe detto che il primo matrimonio gay a cui avrei partecipato sarebbe stato il mio”), una quarantina di intimi italiani a Sabaudia, fedi con date diverse (quella della celebrazione italiana per Allen, americana per Ferro), colori invertiti (“Io abito blu e lui grigio a Los Angeles, il contrario a Sabaudia”) e la scelta di condividere la felicità “perché con il matrimonio lui entra a far parte della mia famiglia e questa è una verità che non si può tacere… una verità che, come ai tempi del mio coming out, spero possa essere utile a qualcuno”. Per uno della sua generazione, cresciuto in un’Italia dove “non era per niente cool essere gay”, è un lieto fine che mai avrebbe immaginato.

Il riconoscimento legale fa la differenza

Se non vivesse all’estero da tanti anni, ci sarebbe arrivato? “È una domanda che mi faccio spesso – confessa – e quasi sempre mi rispondo: forse no”. Del matrimonio ha sempre detto che non rientrava nei suoi interessi. “Ma ho capito che se l’essere umano, da quando è su questa terra, celebra le unioni, un motivo c’è. L’amore ha senso nella misura in cui lo puoi condividere con gli altri, diversamente perde colore. E l’ingresso di una persona nella tua famiglia non è una cosa da poco: merita rispetto. Dobbiamo ricordarcelo quando parliamo dei diritti di tutti. E poi dobbiamo essere intelligenti e ricordarci che viviamo in un mondo che è anche fatto di burocrazie: mettere nero su bianco un rapporto in certi casi può fare la differenza”.

Il sogno della genitorialità

Compreso quando si parla di figli: un sogno che Tiziano non ha mai nascosto. “Victor era spaventato all’idea. Poi però mi ha detto: ‘Per te, e con te per la prima volta nella mia vita, sarei pronto a diventare genitore'”

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Coronavirus, la campagna per il sostegno alle persone Lgbt+ durante l’isolamento

La Rainbow Line in aiuto delle persone Lgbt+ chiuse in casa a causa del coronavirus.

26 marzo 2020

Effetto coronavirus: annullato l’Umbria Pride (e non sarà il solo)

Per la prima volta, sarebbe stato "Umbria Pride" e non più "Perugia Pride". Ma ieri…

26 marzo 2020

Quarantena e informazioni: 3 buone pratiche per affrontare il coronavirus

Attenzione alle informazioni che troviamo sul web: non tutte sono buone e rischiano di creare…

25 marzo 2020

Gestire la paura: i 10 consigli degli psicologi contro lo stress da coronavirus

Dieci buoni consigli per evitare di farsi prendere dal panico, durante l'emergenza da coronavirus.

24 marzo 2020

La cosa più difficile per un genitore? Spiegare ai nostri figli cosa sta succedendo là fuori

Cosa significa vivere in una famiglia arcobaleno, al tempo del coronavirus.

20 marzo 2020

#Fottiamoilcoronavirus: la campagna di CondividiLove sul sesso e il Covid-19

"A solito, di sesso non si parla mai". E l'emergenza Covid-19 non fa eccezione. Per…

19 marzo 2020