Categorie: NewsOnda Pride

“Ognuno cia ficca a cu voli!”, la campagna del Palermo Pride fa discutere

Le foto sono comparse ieri sulla pagina Facebook del Palermo Pride che si prepara alla parata del 18 giugno prossimo. “Ognuno cia ficca a cu voli”, che in siciliano è  un modo un po’ colorito per dire che ognuno è libero di fare sesso con chi vuole. O meglio, letteralmente significa: “ognuno la mette dentro a chi vuole”. Le persone ritratte nelle foto, oltre alla collana con la frase in questione, mostrano un preservativo.

La frase è stata scambiata per lo slogan del Pride e la polemica è montata nel giro di poche ore sui social network: da chi ha accusato il Palermo Pride di volgarità fino a chi si è spinto a interpretarlo come un incitamento allo stupro e perfino alla pedofilia. Tutto nasce dal fatto che “ficcare”, in siciliano, indica il sesso penetrativo.

“Siamo di fronte ad un’esplosione di sessuofobia secondo cui ‘ficcare’ allude allo stupro – spiega Daniela Tomasino del coordinamento Palermo Pride -. La cosa, in realtà, è nata quasi per caso. DesignLab aveva realizzato quella collana per uso personale, stampandola in 3D. A noi è sembrata divertente e nel giro di poco c’erano le foto”. “Per altro, molti dei soggetti degli scatti sono ragazze – continua – come si può pensare che una donna si presti ad  una campagna che rischia di incitare allo stupro? Un’interpretazione del genere è offensiva nei loro confronti, prima di tutto, ma anche nei confronti del Palermo Pride e della sua storia”.

Nessuna marcia indietro né alcuna intenzione di ritirare le immagini, nonostante parlando di prevenzione il riferimento al solo sesso penetrativo rimanga riduttiva. “Poteva essere fatta meglio? Sì. È una cosa goliardica e anche un po’ volgare, ma ci mancherebbe altro che la libertà sessuale, la prevenzione e l’assenza di qualsiasi perbenismo non fossero temi di un Pride.  La rivendichiamo con orgoglio e anzi vorremmo che questa polemica spingesse le persone a riflettere sugli stereotipi che girano attorno al sesso. Perché il sesso penetrativo deve alludere ad un abuso? Non è più tempo di nascondersi dietro il politicamente corretto “. “Non è lo slogan ufficiale del Pride, non lo è mai stato – conclude Tomasino -, ma rivendichiamo questa campagna con orgoglio”.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

“Non si può evitare di dire la verità quando si scrive”: in memoria di Delia Vaccarello

«Devi credere in quello che senti, vatti a prendere l’amore che ti aspetti. Non vista…

27 settembre 2020

Gabriel Garko, un coming out al momento opportuno che arriva al target giusto

Cosa ci insegna il coming out del famoso attore al Grande Fratello Vip.

26 settembre 2020

6 casi di violenza in una settimana: la denuncia di Arcigay Palermo

Una media di un'aggressione al giorno: è urgente intervenire a livello nazionale e locale

23 settembre 2020

Transfobia: insultata e aggredita per anni, trova il coraggio di denunciare

Insultata e aggredita per anni perché donna trans. Questa volta, protagonista dell'ennesimo episodio di transfobia…

17 settembre 2020

Referendum, se vince il sì meno donne in Parlamento e in pericolo i diritti Lgbt+

Più che un taglio di poltrone, un peggioramento concreto della nostra democrazia. Ecco perché.

14 settembre 2020

Insulti omofobi e minacce su Facebook: chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone

Minacce, istigazione alla violenza, diffamazione e apologia di fascismo. Di questo dovranno rispondere 9 persone,…

14 settembre 2020