Categorie: News

“Non solo lesbiche”, il festival a tematica femminista e queer della Sardegna

Si chiama Non Solo Lesbiche. È il “nuovo” festival a tematica queer e femminista organizzato dall’associazione Arc di Cagliari e andrà on line a partire dal 19 marzo. Ma non è una novità, anzi. È un percorso, nato nel 2015 con il nome Le lesbiche si raccontano, e quindi evolutosi in un contenitore più ampio. «In questa edizione che si terrà in forma on line» dichiara l’associazione organizzatrice «si è scelto di modificare il nome per ampliare la visibilità e rappresentazione che non si è certo esaurita». E non solo: «Rimane fermo il desiderio di gridare per le strade questa parola, “lesbiche”, che ancora oggi spesso si tende a sussurrare». E si è fatto, quindi, un ulteriore passo.

Non solo lesbiche, uno sguardo intersezionale

La passata edizione dell’evento

«A raccontarsi all’interno di questo spazio non sono mai state solo donne lesbiche» apprendiamo ancora «e i discorsi hanno incluso orizzonti ben più ampi e intersezionali: il nome, come biglietto da visita della rassegna, doveva dunque riflettere questa caratteristica». Per questo motivo, la vecchia rassegna «fa un passo in avanti, modificando il proprio nome in Non Solo Lesbiche». Il tema scelto per questa edizione è il transfemminismo. Il festival manda un messaggio importante, nella necessità di riconoscere «ora più che mai, di dichiarare in maniera inequivocabile che le lotte femministe non possono prescindere dall’inclusione e dal superamento del binarismo di genere».

Il programma dell’evento

Non Solo Lesbiche si snoderà in due settimane: la prima tranche andrà in onda on line dal 19 al 21 marzo, mentre la seconda tornata si svolgerà dal 26 al 28 marzo. «Gli eventi saranno tutti in diretta sulla pagina Facebook Arc Cagliari» rende noto l’associazione, «a eccezione del laboratorio con Philosophy for Community che invece sarà dal vivo, con posti limitati in base alle normative COVID». E il programma si preannuncia molto ricco e partecipato, nonostante le restrizioni dovute alla pandemia. Dalle presentazioni di libri alla rassegna cinematografica, dai convegni ai laboratori esperienziali. Il programma può essere consultato sulla pagina dell’associazione.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Ungheria, il partito di Orban vuole una legge per vietare di parlare di temi Lgbt a scuola

"Ogni testo di propaganda o promozione dell'omosessualità è dannoso per i minorenni", per Fidesz.

13 Giugno 2021

Eva, picchiata per una borsa arcobaleno: un caso che spiega “per chi” serve la legge Zan

Non sappiamo se Eva sia una ragazza lesbica o meno. Sappiamo che la sua aggressione…

12 Giugno 2021

Fuori i nomi, il libro di Simone Alliva che racconta i 50 anni della comunità Lgbt+ italiana

C'è vita sussurrata, narrata o addirittura urlata, nelle pagine di Fuori i nomi. E non…

11 Giugno 2021

Ddl Zan, Scalfarotto (IV): “La destra vuole solo perdere tempo: si vada in aula compatti”

"Italia viva è una di quelle forze politiche che ha fortemente voluto il ddl Zan.…

10 Giugno 2021

Omofobia sul tram a Roma: prima insulta 2 asiatiche, poi minaccia il ragazzo che le difende

"Vieni de fori, te sfonno la faccia", così l'uomo ha aggredito un giovane sui mezzi…

4 Giugno 2021

Torino Pride in piazza il 5 giugno: “Nessun compromesso sul ddl Zan”

Il 5 giugno, sabato, Torino scende in piazza per sostenere il ddl Zan. La manifestazione,…

3 Giugno 2021