Categorie: News

La ministra Pinotti scrive a Polis Aperta: “Celebrerò un’unione civile a Genova”

La ministra della Difesa Roberta Pinotti celebrerà una unione civile tra due donne, a Genova. A renderlo noto è stata la stessa Pinotti con una lettera inviata all’associazione di persone LGBT in divisa Polis Aperta che l’aveva invitata alla propria assemblea nazionale in programma il prossimo 10 ottobre a Milano. Pur spiegando di non poter partecipare al “significativo evento” per via della direzione nazionale del Pd prevista per lo stesso giorno, la ministra ha mostrato il suo sostegno all’associazione ed ha rivelato che il prossimo 8 ottobre celebrerà l’unione civile di due donne (civili) a Genova, la sua città.

La ministra Roberta Pinotti

“Tengo a rendervi partecipi – ha scritto Pinotti nella lettera inviata all’associazione – che il prossimo 8 ottobre celebrerò, a Genova, un matrimonio tra due persone dello stesso sesso”.
Non c’è alcun rapporto tra la coppia e la ministra, ma le ragazze, Pamela ed Elisabetta si sono rivolte a Pinotti perché donna, genovese e membro del governo. “È come se il governo si mettesse al servizio dei cittadini” hanno spiegato le due donne nella lettera inviata alla ministra. E la responsabile della Difesa ha accettato. Un segnale forte, anche per il ruolo che riveste Roberta Pinotti, e che va dritto al cuore delle forze armate italiane dove, come ha già più volte denunciato Polis Aperta, l’omofobia è un problema dilagante che colpisce gay, lesbiche, bisessuali e trans che vestono la divisa.
“Probabilmente – spiegano dallo staff di Pinotti, secondo quanto riporta Repubblica.it – hanno percepito l’impegno nei confronti degli omosessuali che la ministra ha più volte esternato in convegni e appuntamenti pubblici”.

“È un gesto che parla da solo – commenta a Gaypost il vicepresidente di Polis Aperta Gabriele Guglielmo -. Significa che il ministero ha fatto la necessaria e opportuna apertura che auspicavamo da tempo”. “Solo fino a poco tempo fa, i nostri militari avevano un forte timore anche solo a fare coming out – continua Guglielmo -. La presa di posizione di Orlando su Clemente Russo prima e ora questa dichiarazione di Pinotti rappresentano l’abbattimento delle barriere e l’inclusione definitiva delle persone LGBT nelle forze dell’ordine e nelel forze aramate”.

“Speriamo – conclude il vicepresidente – che la ministra faccia il passo ulteriore di riconoscere la nostra associazione perché per un’antica regola del ministero, i nostri iscritti sono potenzialmente punibili perché appartenenti, come militari, ad un’associazione non riconosciuta dal dicastero”.
Polis Aperta aveva richiesto il patrocinio dell’assemblea di Milano. Dal ministero, però, hanno fatto sapere che non c’era i tempi tecnici per concederlo (60 giorni, ndr) ma hanno assicurato che “siccome appoggiano la nostra attività di contrasto alla discriminazione nelle forze armate, la prossima richiesta andrà a buon fine se fatta nel rispetto dei tempi necessari – spiega Guglielmo – e di questo siamo molto contenti“.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Inizia il mese dell’orgoglio lgbt+: bruciata bandiera arcobaleno in provincia di Pisa

La bandiera con i colori dell'orgoglio lgbt+ appesa fuori dalla casa di una famiglia arcobaleno…

1 giugno 2020

“Arcilesbica fuori dall’Arci”, la raccolta di firme per l’espulsione dalla federazione

Affermazioni sono lesive della dignità delle persone trans*, secondo i firmatari e le firmatarie.

28 maggio 2020

Matrimonio egualitario in Costa Rica, il paese più felice del mondo

Le nozze per tutti e tutte legali dalla mezzanotte di ieri nel paese centro-americano.

26 maggio 2020

Fico: “Le discriminazioni riguardano tutti: avanti con la legge su omotransfobia”

"Quando si parla di discriminazioni siamo coinvolti tutti e dobbiamo superarle". Così poco fa a…

19 maggio 2020

Ungheria: il Parlamento approva la legge di Orban contro le persone trans

E' ufficiale. In Ungheria il Parlamento ha approvato la proposta del primo ministro Orban di…

19 maggio 2020