News

Brasile, elezioni presidenziali: Eduardo Leite candidato gay contro Bolsonaro?

E se l’anti-Bolsonaro fosse gay? Arrivano venti “arcobaleno”, dal Brasile, contro il presidente di estrema destra che guida il più grande paese sud americano. Stiamo parlando di Eduardo Leite, 36 anni e governatore del Rio Grande do Sul. Esponente del Partito della Social Democrazia brasiliana (Psdb) che, secondo quanto riporta il Corriere.it, potrebbe essere un potenziale candidato alle presidenziali del prossimo anno.

Il sostegno a Bolsonaro, poi il ripensamento

Nonostante il nome, il Psdb è un partito centrista di stampo liberale. Per questa ragione, Eduardo Leite sostenne proprio Bolsonaro alle ultime presidenziali, al secondo turno. Poi, però, qualcosa è cambiato. Le varie dichiarazioni omofobe del presidente devono aver convinto il giovane governatore che non poteva più sostenere un leader del genere. E quindi, qualche settimana fa, in tv è arrivato il coming out.

Il coming out di Eduardo Leite in TV

Eduardo Leite – Foto di Gustavo Vara

Coming out che è stato fatto a Tv Globo, importante emittente brasiliana: «Non ho nulla da nascondere: sono gay» ha dichiarato Eduardo Leite. «Non ho mai parlato di un argomento legato alla mia vita privata, ma in questo momento di bassa integrità in Brasile, ribadisco che non ho nulla da nascondere. Sono un governatore che è gay, non un gay governatore. Così come Obama era un presidente nero non un nero presidente. E ne sono orgoglioso».

Le presidenziali del 2022

Certo, si potrebbe obiettare che non c’era bisogno di vedere quanto fatto da Bolsonaro per prendere le distanze dalla sua azione politica. I presupposti di ciò che sarebbe stato c’erano tutti. Meglio tardi che mai, tuttavia. Leite non ha, in verità, molte chance di divenire presidente del Brasile. Nel 2022 si ricandiderà Luiz Inácio Lula da Silva, pienamente reintegrato dopo le accuse di corruzione (cadute, in tribunale). E che risulta il favorito, almeno nei sondaggi attuali. Vedremo con chi si schiererà alle prossime presidenziali. Fosse non altro per una questione di coerenza.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Gianni Vattimo, addio al filosofo del “pensiero debole”

È morto ieri in tarda serata, a 87 anni, il filosofo Gianni Vattimo. Una delle…

20 Settembre 2023

Arim 2023, parco Sempione a Milano la lotta all’HIV a suon di musica

Si terrà il 19 settembre 2023, a Milano, all'Arena Civica di Parco Sempione. Stiamo parlando…

18 Settembre 2023

Cosa significa far parte della comunità Lgbt+

In questi giorni ha fatto scalpore, su ciò che resta di Twitter, lo stato di…

16 Agosto 2023

Le guide di Gay Lex: stepchild adoption e vuoti di tutela

La strada del riconoscimento alla nascita di due mamme e due papà in Italia, al…

16 Agosto 2023

Addio Michela Murgia, voce del femminismo e alleata arcobaleno

Una morte che pesa molto, quella di Michela Murgia. Sia perché l'Italia perde una sua grande…

11 Agosto 2023

Addio Rita De Santis, mamma attivista per i diritti LGBTQIA+

Si è spenta oggi, a 85 anni, Rita de Santis, a lungo presidente nazionale di…

4 Agosto 2023