Categorie: Politica&diritti

Insulti sessisti alla ministra Azzolina: sì, la scuola è l’antidoto, lo diciamo da anni

Proprio ieri la ministra Lucia Azzolina ha condiviso sulla sua pagina Facebook una parte della valanga di insulti sessisti a lei diretti. Tali insulti provengono da utenti di un gruppo che sostiene la Lega – come riporta Il Fatto Quotidiano – e la titolare di Viale Trastevere ha condiviso lo screenshot per denunciarne la violenza. Sia ben chiaro: non si tratta di critiche per il suo operato, come sarebbe naturale per chi ha una carica politica, ma di offese incentrate «sul colore del rossetto o sulla “forma della bocca”».

Il commento di Lucia Azzolina

La ministra così ha commentato, sempre sulla sua pagina: «Nessuna donna dovrà mai più leggere commenti così infimi, subire attacchi volgari e abietti come questi. È e sarà la mia battaglia. E la faremo a scuola. Educando le nuove generazioni al rispetto dell’altro, uomo o donna che sia, al pensiero critico, allo scambio di idee fatto con i contenuti e non con la volgarità. Provo molta pena per chi si esprime in questo modo e per chi alimenta questo tipo di reazione, parlando solo alla pancia e mai alla testa delle persone. È un sistema che va combattuto ed è lapalissiano che la scuola sia il naturale antidoto».

Una battaglia portata avanti da realtà femministe e Lgbt+

I commenti sessisti contro Azzolina

La buona notizia, se vogliamo, c’è: finalmente ci si rende conto qual è il territorio di intervento per creare cultura del rispetto. Anche del rispetto per le differenze di genere. Ma, se vogliamo dirla tutta, è un po’ la scoperta dell’acqua calda. Gli insulti sessisti alla ministra Lucia Azzolina sono il riflesso di una sub-cultura che da decenni sia il movimento femminista, sia quello Lgbt+ combattono e denunciano. È importante che certe tematiche si affrontino a scuola, come la ministra ha opportunamente sottolineato. Ma è triste che questa presa di coscienza arrivi in ritardo rispetto ad istanze decennali e solo perché il fenomeno ha toccato chi dirige la stanza dei bottoni a viale Trastevere.

Il sessismo della nostra classe politica

Un’ulteriore riflessione andrebbe fatta, ancora, su quella che è la qualità della nostra classe politica in materia. Se da una parte abbiamo una Lega e FdI che blaterano di pericolo “gender” nelle scuole – dove il “gender” sarebbe proprio quell’educazione al rispetto e alle differenze, a cui si è appena fatto cenno – dall’altra abbiamo partiti e leader intrisi di quella mascolinità tossica che poi produce certe aberrazioni. Dalla bambola gonfiabile di Laura Boldrini, portata dal leader leghista sul palco, a Beppe Grillo che sempre contro l’ex presidente della Camera ha scatenato i suoi elettori, lunga è la lista degli esempi che si possono fare.

Realtà femministe e Lgbt+ in prima linea da anni

Dopo di che, non si può non essere d’accordo con la ministra Azzolina quando dice che occorre combattere questo sistema proprio a partire dalla scuola. Ricordiamo, tuttavia, che tale sistema non è strutturato a compartimenti stagni. L’odio contro le donne ridotte ad oggetti sessuali, il bullismo contro le persone Lgbt+, il razzismo e molte altre criticità sono ramificazioni di una stessa pianta: quella del patriarcato e dell’eterosessimo. È un sistema che vede nel maschio eterosessuale bianco la categoria privilegiata per eccellenza. È un sistema che per fare coraggio a un bimbo che piange, non trova di meglio da dire che “non fare la femminuccia”. Bisogna intervenire da qui. Le realtà femministe e Lgbt+ ci stanno lavorando da tempo. Forse sarebbe il caso di dar loro il dovuto ascolto.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Paura di volare: il libro che fa la storia della prima ondata femminista

Tornano i nostri "libri di fuoco", quei libri che ti toccano l'anima scaldandoli come una…

24 ottobre 2020

Bergoglio: “Sì alle unioni civili, gli omosessuali hanno diritto a essere famiglia”

«Le persone omosessuali hanno il diritto di essere in una famiglia» così papa Francesco.

21 ottobre 2020

Diversity e inclusione: il webinar con Unar per lavoratrici e lavoratori Lgbti+

Un appuntamento sulla gestione delle differenze e della diversità nel mondo del lavoro.

20 ottobre 2020

Rinviata la discussione sulla legge Zan, ma il parlamento continua le sue attività

La rabbia delle associazioni, le dichiarazioni di Monica Cirinnà: "Assicurarsi che il parlamento funzioni".

17 ottobre 2020

17 ottobre, oltre 60 piazze a supporto della Legge Zan

Quasi 60 piazze, da nord alle isole, a supporto della legge Zan, contro l'omo-bi-lesbo-transfobia.

15 ottobre 2020

“Fuori dagli schemi”: il coming out della “leggenda del calcio” Carolina Morace

"Fuori dagli schemi". Si intitola così il libro con cui Carolina Morace, ex calciatrice della…

11 ottobre 2020