Categorie: Storie

Australia, vince il sì al matrimonio e lui non perde tempo: proposta in piscina

In Australia ha appena vinto il sì per il matrimonio egualitario, sebben la legge arriverà solo a Natale. Eppure c’è chi ha voluto bruciare le tappe e ha deciso di chiedere la mano del proprio compagno proprio all’indomani del sondaggio di qualche giorno fa. È il caso di Mark Keevers che ha chiesto al suo compagno Andrew di sposarlo. In un modo molto particolare, per altro.

Un’organizzazione perfetta

Appena conosciuto l’esito del “referendum”, Mark ha organizzato la sua proposta coinvolgendo gli amici e i compagni di squadra del suo fidanzato. Andrew, infatti, gioca per una squadra di pallanuoto, la Melbourne Surge. Finita la partita, Keevers si è avvicinato ad Andrew e lo ha avvolto con un asciugamano arcobaleno sulle spalle. Quindi ha fatto partire Hold my hand, di Jess Glynne, sussurrandogli «Ci svegliamo ogni giorno con questa canzone». Nello stesso tempo, gli altri atleti si sono tolti i loro accappatoi e si è scoperto che indossavano costumi che formavano la scritta “sposami”. In alto, intanto, gli amici esponevano immagini con alcune scene della loro vita insieme, negli ultimi mesi. È arrivata così la dichiarazione ufficiale e Andrew ha pronunciato il fatidico (e molto romantico) sì.

Un amore legittimato dal voto popolare

«Il risultato del sì mi ha molto incoraggiato» ha rivelato Keevers a Star Observer. La proposta, dunque, è stata programmata di conseguenza. Sapere che per i cittadini del suo paese il suo rapporto con Mark è legittimo e uguale alle storie che vivono milioni di australiani eterosessuali è stata la molla che ha fatto scattare il tutto, ha dichiarato ancora. Adesso si aspetta, quindi, che governo e parlamento legiferino di conseguenza. Il premier australiano, infatti, ha fatto sapere che la legge che aprirà il matrimonio a gay e lesbiche arriverà entro qualche mese. Non resta che augurare tanta felicità non solo a Mark ed Andrew, ma a tutte quelle coppie che si sposeranno nei prossimi mesi.

Condividi
Pubblicato da

Articoli recenti

Negò il congedo parentale a madre sociale: il tribunale di Milano dà ragione alla donna

Il tribunale del lavoro dà ragione alla madre sociale: è nell'interesse del minore.

30 novembre 2020

Riconoscimento di due mamme, un aggiornamento dopo il caso di Brescia

Si apre uno spiraglio per le mamme arcobaleno italiane. Ecco perché.

29 novembre 2020

Panchine arcobaleno vandalizzate a Roma: “Il tricolore usato come simbolo di vendetta”

Il tricolore usato per un atto vandalico. E contro la comunità Lgbt+ romana. La condanna…

28 novembre 2020

La poesia che chiede: “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

La recensione di Erica Donzella a "La domanda della sete", opera poetica pubblicata per Einaudi.

21 novembre 2020

TDoR 2020: 350 persone trans uccise nell’ultimo anno. E il Covid-19 ha peggiorato la situazione

In occasione della Giornata Internazionale della Memoria delle persone Trans (TDoR) che si celebra ogni…

20 novembre 2020

Catania, strada intitolata a Don Benzi: Arcigay insorge, al via la petizione on line

Su All Out la petizione di Arcigay Catania, contro l'intitolazione della strada al prete omofobo.

19 novembre 2020