Categorie: News

Victoria (Australia): abolito l’obbligo di intervento per le persone trans

Le persone transgender e gender diverse potranno far cambiare il sesso registrato nel proprio certificato di nascita anche nello stato australiano di Victoria, senza doversi sottoporre a chirurgia di riassegnazione di genere. Ieri sera, infatti, secondo quanto riporta l’Ansa, la Camera Alta ha approvato la riforma voluta dal governo laburista.

Basta intervento, anche per i minori

Le nuove norme aboliscono l’obbligo di sottoporsi a chirurgia di riassegnazione prima di poter aggiornare il certificato di nascita. Le persone trans avranno anche l’opzione di scegliere il proprio genere come maschio, femmina o una delle diverse altre opzioni non binarie di loro scelta.
I minorenni potranno anche alterare il genere nel certificato di nascita, purché abbiano il supporto dei genitori e una dichiarazione di un medico o di uno psicologo, attestante che la decisione è nel migliore interesse del minore. Il Victoria diventa così il quinto tra gli stati e territori australiani ad adottare la riforma, dopo Tasmania, South Australia, Territorio del Nord e Territorio della Capitale (Canberra).

Il diritto di vivere l’identità

Nel presentare il disegno di legge, la ministra della Giustizia Jill Hennessy ha spiegato che l’obbligo a una persona trans di sostenere un intervento chirurgico, prima di cambiare il certificato di nascita, deve essere abolito perché molte persone non possono, o non vogliono, sottoporsi a una procedura medica costosa e invasiva. “Queste importanti nuove norme sono intese ad assicurare che tutti possano vivere la propria vita come scelgono – ha aggiunto la ministra -, e questo include avere un certificato di nascita che rifletta la loro vera identità”.
Dopo l’approvazione della legge, le associazioni lgbt+ australiane come Equality Australia, Transgender Victorie e Ygender, che avevano fatto campagna per l’approvazione della legge, hanno festeggiato sui social network usando l’hashtag #MyIDMyIdentity.

Condividi

Articoli recenti

La denuncia: “L’Egitto approfitta del coronavirus per isolare Zaki: non abbandoniamolo”

Tra gli effetti collaterali dell'attenzione estrema sul fenomeno coronavirus in Italia ce n'è uno a cui forse nessuno aveva pensato.…

25 febbraio 2020

Carnevale in Croazia: al rogo manichino di coppia gay con bimbo in braccio

Ferma la condanna del presidente croato. Gli organizzatori rivendicano il gesto: "Siamo conservatori".

25 febbraio 2020

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020