Categorie: News

Unioni civili: il Consiglio dei Ministri ha approvato i decreti attuativi

I decreti attuativi sulle unioni civili sono pronti e sono stati approvati dal Consiglio dei Ministri che si è riunito ieri. Si tratta dei decreti definitivi che sostituiscono il decreto ponte attualmente in vigore e regolamentano anche le discipline non previste dal testo firmato dal ministro Alfano.

I decreti sono stati redatti dal ministro della Giustizia Orlando

Da quanto si apprende dal comunicato stampa diffuso dallo stesso Cdm, “i decreti prevedono che, come per il matrimonio, il partner dell’unione civile che aggiunge al suo il cognome del partner non perde il suo cognome d’origine. Rispetto al decreto ponte, con tali norme non è necessario produrre alcuna modifica anagrafica”. Questo particolare aspetto della legge e del decreto ponte aveva provocato non poche difficoltà alle prime unioni civili celebrate finora perché l’ambiguità del testo del decreto ponte lasciava margine ad interpretazioni diverse, specialmente per quanto riguarda l’eventuale cambio del codice fiscale.

Ancora, il comunicato del Consiglio dei Ministri spiega che, nei casi di unioni civili contratte all’estero da persone che vivono abitualmente in Italia, ad esse si applicherà la normativa italiana e che sono state apportate modifiche al codice penale per equiparare il partner dell’unione civile al coniuge. In sostanza, nel caso in cui in una unione civile un o una delle due parti uccida l’altra, si potrà far valere l’aggravante prevista nei casi in cui un coniuge uccide l’altro.
“Mi auguro che il varo di questi decreti tolga l’ultimo alibi a quei sindaci che pretendono di boicottare le unioni nei loro comuni in violazione palese della legge” ha commentato il senatore Sergio Lo Giudice (PD).
I decreti attuativi devono ora passare dal voto delle commissioni per essere poi emanati dal Presidente della Repubblica.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020