Categorie: News

UE: riconoscere i certificati di nascita dei bambini nati all’Estero

Ieri il Parlamento Europeo ha approvato una regolamentazione sul recepimento dei documenti pubblici per cittadini europei che vivono in uno stato UE diverso da quello di cittadinanza.
La regolamentazione semplifica le procedure per provare l’autenticità di questi documenti che riguardano la nascita, la morte, il matrimonio, il divorzio, la genitorialità, l’adozione etc…
Sarà ad esempio interessante capire quanto questa nuova regolamentazione potrà essere utile in caso di recepimento di documenti di nascita di bambini figli di due madri o due padri nati all’estero (di cui abbiamo brevemente parlato domenica scorsa nella guida di Gay Lex), posto che in ogni caso questo regolamento agisce su un piano formale di recepimento degli atti e non sul contenuto dei diritti ricompresi nei documenti stessi.
Questo significa ad esempio che le coppie dello stesso sesso sposate o unite civilmente continueranno ad avere problemi rispetto al riconoscimento dei loro diritti nei paesi che non prevedono unioni o matrimoni fra persone dello stesso sesso e che un certificato di nascita che includa una doppia genitorialità non garantirebbe l’estensione di tale diritto alla co-madre o al co-padre.

Sul punto è intervenuto l’europarlamentare Daniele Viotti, co-presidente dell’intergruppo LGBTI, affermando che “la libertà di movimento è il diritto fondamentale su cui si basa l’Unione Europea. Troppe coppie ancora devono affrontare barriere discriminatorie quando provano ad esercitare questo diritto. Una coppia dello stesso sesso sposata in uno stato può perdere i suoi diritti semplicemente attraversando la frontiera: è inaccettabile.”
L’augurio è dunque quello che il Parlamento Europeo e la Commissione Europea trovino al più presto una soluzione affinché la libertà di movimento delle persone non sia menomata da una mancata circolazione dei diritti all’interno dell’Unione.

Questo tema, insieme ad un approfondimento sulle Unioni Civili e la Stepchild adoption, sarà affrontato mercoledì prossimo 15 giugno, presso l’Università di Bologna, in un seminario organizzato da Uni Lgbtq e Anddos, in collaborazione con Gay Lex, Red, Famiglie Arcobaleno e Articolo 29.

Condividi

Articoli recenti

Rimini: per ordine del Tribunale, il Comune riconosce le due mamme di due bimbi

Il Tribunale di Rimini ha ordinato al Comune di Rimini di correggere l'atto di nascita dei figli di una coppia…

28 gennaio 2020

Tutti pazzi per il Dolly Parton Challenge – FOTO

Tutto è cominciato con lei, Dolly Parton, che pochi giorni dopo il suo 74esimo compleanno ha pubblicato un suo meme.…

25 gennaio 2020

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020