Categorie: News

Elezioni in Slovacchia, vince l’europeista Zuzana Caputova

Si chiama Zuzana Caputova, è un’avvocata di quarantacinque anni, ha un grande merito e colleziona un importante primato. Cominciando da quest’ultimo, è la prima donna di un paese dell’Europa centro-orientale a divenire presidente nel suo paese, la Slovacchia. Riguardo al merito: la sua elezione, che sfiora il 60% delle preferenze, ha di fatto rotto il blocco di Visegrad. Si tratta dell’asse di quattro paesi europei – prima di orbita sovietica – che dipendono dalla politica ultraconservatrice e sovranità si Viktor Orban.

Vicina alle minoranze e alla comunità Lgbt

Zuzana Caputova

Zuzana Caputova ha vinto la sua battaglia attraverso temi quali l’ambientalismo, la giustizia sociale e la lotta alla corruzione. Il suo attivismo e il suo impegno sono più che noti, nel suo paese: ha combattuto per molti anni contro la discarica illegale a Pezinok , senza aver paura di andare contro imprenditori e uomini di potere anche abbastanza controversi. Per tutto questo è stata definita la Erin Brockovich slovacca. E non solo. Fervente europeista, si è detta più volte vicina alle minoranze, come quella dei rom, ed è accanto alla gay community del suo paese.

Il trionfo alle elezioni

La sua campagna elettorale è stata pacata, concentrandosi su temi concreti, senza la veemenza tipica dei partiti populisti e sovranisti, che ha sconfitto con quasi il 20% di scarto: «Sono felice del risultato» ha dichiarato, appresa la vittoria «perché si vede che nella politica si può entrare con opinioni proprie e la fiducia si può conquistare anche senza linguaggio aggressivo e colpi bassi. L’onestà nella politica può essere la nostra forza».

Condividi

Articoli recenti

Rissa a Miami: due donne transgender mettono KO gli aggressori… [VIDEO]

Pensavano di poter importunare due donne MtF impunemente. Ecco come è andata...

24 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia Romagna: al via la campagna “Io sono, io voto”

La suddivisione dei seggi per sesso e genere è lesiva e discriminatoria: ecco cosa fare, per recarsi al seggio.

24 gennaio 2020

“Zone libere” dalla comunità Lgbt: in Polonia arrivano le leggi antigay

Destra radicale e chiesa cattolica in prima linea contro le persone Lgbt. E scoppiano le violenze in Polonia.

22 gennaio 2020

Giornata della memoria, la comunità Lgbt+ ricorda le sue vittime

Oltre alla deportazione, l’Italia si macchiò anche della vergogna del Confino. Un'opera teatrale lo racconta.

20 gennaio 2020

Sinistra, gestazione per altri e diritti: un cammino lento nella direzione giusta

Riceviamo e pubblichiamo questa interessante riflessione del giurista Angelo Schillaci sul rapporto tra sinistra e diritti, partendo dal ri-acceso dibattito…

19 gennaio 2020

Bonetti: “Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma”

Le adozioni per le coppie dello stesso sesso non sono in programma. Lo ha dichiarato la ministra della Famiglia Elena…

18 gennaio 2020