Categorie: News

Salvini corre in soccorso di Fontana, ma ribadisce: “Un bambino ha bisogno di una mamma e un papà”

Le dichiarazioni del ministro della Famiglia e Disabilità Lorenzo Fontana hanno provocato molte polemiche al punto che, sollecitato dai giornalisti, anche il suo leader, nonché neo ministro all’Interno Matteo Salvini è intervenuto.

“Una mamma e un papà”

A margine delle celebrazioni per il 2 giugno, Salvini ha detto di aver letto l’intervista rilasciata da Fontana al Corriere. Secondo la sua lettura “non è contro” le unioni civili o l’aborto. “Io l’ho letta – dice Salvini a FanPage – difende il concetto di mamma e papà, senza togliere niente a nessuno. Un bambino ha bisogno di una mamma e di un papà”. Un tentativo di togliere le castagne dal fuoco al collega di governo che però non fa altro che confermare le cose dette da Fontana.

“Unioni civili e aborto non sono in discussione”

Il ministro della Famiglia, infatti, non ha neanche accennato alle unioni civili, ma ha negato l’esistenza delle famiglie arcobaleno. Per altro, come ha ricordato la senatrice Cirinnà, la legge sulle unioni civili parla espressamente di “vita familiare”. Le dichiarazioni di Fontana, insomma, e le precisazioni di Salvini non fanno sperare sulle prossime scelte proprio in tema di famiglie. “Unioni civili e aborto non sono leggi in discussione” afferma il leader della Lega. E poi precisa che questi temi non sono nel Contratto di governo.
Alle insistenze dei cronisti, il leader della Lega, ora anche vicepremier e ministro dell’Interno, chiude la questione dicendo: “Abbiamo detto che cambieremo la legge sull’aborto? No”.

Leggi svuotate con la pratica

No, non è stato detto. Ma la storia della 194 e dei consultori insegna che una legge può essere ostacolata e svuotata con le pratiche quotidiane e con un’applicazione ideologica. Come quella che ha permesso che interi ospedali fossero rivi di medici non obiettori, costringendo le donne che volevano abortire a cambiare ospedale quando non, addirittura, regione.

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020