Categorie: News

La Provincia nega il patrocinio al Dolomiti Pride, gli organizzatori: “È omofobia istituzionalizzata”

Niente patrocinio al Dolomiti Pride, il primo a tenersi in Trentino. Non dalla Provincia quanto meno, secondo il cui presidente, Ugo Rossi (eletto con una coalizione di centrosinistra), il pride “assume un aspetto più di folclore e di esibizionismo che sicuramente non apporta alcun contributo alla crescita e valorizzazione della società trentina e della sua immagine”.

La questione dei preservativi

Qualche giorno fa, il patrocinio della Provincia era finito al centro di una polemica animata dal consigliere di centrodestra Rodolfo Borga. Broga si è scandalizzato non tanto per la faccenda in sé quanto perché gli organizzatori parlano esplicitamente di distribuzione di preservativi “nei luoghi di aggregazione, scuole, centri di aggregazione giovanile, università e carceri”. Una cosa inaccettabile, per Borga, l’idea di diffondere una consapevolezza della prevenzione dalle malattie sessualmente trasmissibili.

La risposta del Dolomiti Pride

Quella di Rossi, per gli organizzatori, è una posizione assimilabile a quella di Trump, rispetto alle questioni lgbt, contrapposto a Obama che ha riconosciuto lo Stonewall Inn come monumento nazionale.
Nel pomeriggio, il comitato che organizza il Dolomiti Pride ha risposto con una conferenza stampa.
“Ci offende profondamente come cittadini di questo territorio. E ci imbarazza – hanno detto gli organizzatori -. Offende noi, ma pensate cosa può voler dire per una persona che ha ancora timore a dichiararsi gay o lesbica il fatto che il presidente della Provincia dica cose del genere. Non è il presidente Rossi che deve dire alla comunità LGBT deve rivendicare la propria libertà e i propri diritti”.

Gli eventi collaterali e il contraddittorio

“Crediamo che il calendario di eventi culturali che abbiamo previsto sia di estremo valore e non crediamo che ci sia bisogno di contraddittorio su qualsiasi cosa” hanno aggiunto rispondendo ad alcune polemiche proprio sui temi degli eventi collaterali. “Vorrebbe dire che se parliamo di antisemitismo, dovremmo invitare le SS – è la domanda retorica -? Si vede che ai tanti atti di omofobia istituzionale si unisce anche questo”.

Il video completo della conferenza stampa

Condividi

Articoli recenti

Zaki in carcere per altri 15 giorni. Amnesty: “Decisione brutta e crudele”

Patrik Zki rimane in prigione. Nell'attesa udienza di oggi al tribunale di Mansoura, i giudici egiziani hanno deciso di prolungare…

22 febbraio 2020

Legge contro l’omo-transfobia: per Provita & Famiglia non c’è allarme sociale

L'associazione ultracattolica contro la legge in discussione in commissione.

20 febbraio 2020

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020