Categorie: News

La Provincia nega il patrocinio al Dolomiti Pride, gli organizzatori: “È omofobia istituzionalizzata”

Niente patrocinio al Dolomiti Pride, il primo a tenersi in Trentino. Non dalla Provincia quanto meno, secondo il cui presidente, Ugo Rossi (eletto con una coalizione di centrosinistra), il pride “assume un aspetto più di folclore e di esibizionismo che sicuramente non apporta alcun contributo alla crescita e valorizzazione della società trentina e della sua immagine”.

La questione dei preservativi

Qualche giorno fa, il patrocinio della Provincia era finito al centro di una polemica animata dal consigliere di centrodestra Rodolfo Borga. Broga si è scandalizzato non tanto per la faccenda in sé quanto perché gli organizzatori parlano esplicitamente di distribuzione di preservativi “nei luoghi di aggregazione, scuole, centri di aggregazione giovanile, università e carceri”. Una cosa inaccettabile, per Borga, l’idea di diffondere una consapevolezza della prevenzione dalle malattie sessualmente trasmissibili.

La risposta del Dolomiti Pride

Quella di Rossi, per gli organizzatori, è una posizione assimilabile a quella di Trump, rispetto alle questioni lgbt, contrapposto a Obama che ha riconosciuto lo Stonewall Inn come monumento nazionale.
Nel pomeriggio, il comitato che organizza il Dolomiti Pride ha risposto con una conferenza stampa.
“Ci offende profondamente come cittadini di questo territorio. E ci imbarazza – hanno detto gli organizzatori -. Offende noi, ma pensate cosa può voler dire per una persona che ha ancora timore a dichiararsi gay o lesbica il fatto che il presidente della Provincia dica cose del genere. Non è il presidente Rossi che deve dire alla comunità LGBT deve rivendicare la propria libertà e i propri diritti”.

Gli eventi collaterali e il contraddittorio

“Crediamo che il calendario di eventi culturali che abbiamo previsto sia di estremo valore e non crediamo che ci sia bisogno di contraddittorio su qualsiasi cosa” hanno aggiunto rispondendo ad alcune polemiche proprio sui temi degli eventi collaterali. “Vorrebbe dire che se parliamo di antisemitismo, dovremmo invitare le SS – è la domanda retorica -? Si vede che ai tanti atti di omofobia istituzionale si unisce anche questo”.

Il video completo della conferenza stampa

Condividi

Articoli recenti

“They” è ufficialmente pronome non binario: lo dice il Merriam-Webster

Giornata storica per la grammatica e per la lotta alle discriminazioni. Il più antico dizionario americano, il Merriam-Webster, ha ufficialmente…

18 settembre 2019 12:00 PM

Coppia gay aggredita e sequestrata in chiesa per convertirla

Una coppia gay sarebbe stata attaccata dai fedeli di una chiesa nel tentativo di convertirli all’eterosessualità. È successo a Blackwell,…

18 settembre 2019 11:47 AM

Cara Delevigne: «Weinstein disse “da lesbica non farai carriera”»

Anche l'attrice ed ex modella Cara Delevigne tra le vittime illustri di Weinstein. La sua omosessualità come motivo di molestie.

17 settembre 2019 4:27 PM

Anche Roma molla ArciLesbica: nasce Differenza Lesbica Roma

A quasi due anni dal congresso che ha visto vincente la mozione "A mozioni estreme, lesbiche estreme" un altro circolo…

17 settembre 2019 11:55 AM

Mike Pence sarà relatore a un evento omofobo: è polemica

Dopo essere stato accolto praticamente da nessuno in Irlanda e da centinaia di arcobaleni - tra cui quello del primo…

16 settembre 2019 9:05 PM

Gareth Thomas costretto a un secondo coming out: è sieropositivo

Gareth Thomas, ex giocatore gallese di rugby, è stato costretto a uscire allo scoperto come siero positivo. In un documentario…

16 settembre 2019 5:02 PM