Categorie: Politica&diritti

Piano per l’educazione al rispetto: il Miur dimentica le persone Lgbt

È stata presentato ieri, al Teatro Eliseo di Roma, di fronte a una platea di insegnanti e rispettive scolaresche, il piano nazionale per l’educazione al rispetto che dovrà essere avviato nelle scuole del nostro paese. A presentare la campagna #rispettaledifferenze, con tanto di hashtag, c’era Myrta Merlino insieme a molti ospiti, tra cui la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli e altri personaggi del mondo della politica, dell’associazionismo e dello sport. Tutto bene dunque? No. Vediamo perché.

Un omaggio alle diversità, comunità Lgbt esclusa

Valeria Fedeli (a destra) con Mirta Merlino

La ministra Fedeli comincia riprendendo lo spot che è stato girato per il rispetto di tutte le diversità a scuola, che si basa sulla lettura dell’articolo 3 della Costituzione italiana. Fa una carrellata di differenze esistenti nel nostro Paese, dalle etnie diverse alla religione, passando per le condizioni economiche e per la differenza di genere. Non una parola, tuttavia, sul bullismo omo-transfobico e sul rispetto che si deve alle persone Lgbt: e ricordiamolo, sono migliaia gli/le adolescenti gay, lesbiche, trans, ecc, presenti nelle aule italiane che subiscono vessazioni per la loro identità sessuale.

Tra “buona scuola” e silenzio sull’omo-transfobia

La campagna, per altro, si lega all’applicazione del comma 16 della legge sulla “Buona scuola”, quello che recita, testualmente: «Il piano triennale dell’offerta formativa assicura l’attuazione dei principi di pari opportunità promuovendo nelle scuole di ogni ordine e grado l’educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni…». La domanda è conseguente: che ruolo avranno, in questo processo, le politiche di contrasto al bullismo omo-transfobico? Il silenzio sulla questione non aiuta ad essere fiduciosi. Ma c’è di più.

Presente anche il sottosegretario Toccafondi

Il sottosegretario Toccafondi

Alla presentazione della campagna era presente anche il sottosegretario Toccafondi che ha speso parole encomiabili sul ruolo degli insegnanti nel contrasto al bullismo. Ha inoltre ricordato che sono previste risorse sia per i progetti scolastici sia per la formazione dei docenti, auspicando l’avvio di un percorso educativo che coinvolga scuola e famiglie. E anche lui, immancabile, parla di differenze come ricchezza. Ma come si pongono le sue parole con la sua storia di aperta ostilità nei confronti di quelle iniziative contro l’omo-transfobia proprio a scuola?

I due pesi e le due misure della ministra

Bene che la ministra abbia voluto avviare questa iniziativa per il benessere della popolazione scolastica, incentrandosi su temi come la lotta al razzismo e agli squilibri di genere, cominciando proprio dal rispetto delle donne. Tutto meritorio e su questo nulla da dire. Ma se vogliamo davvero essere rispettosi e rispettose delle differenze, occorrerebbe non aver vergogna a menzionarle tutte. Fedeli stessa, infatti, ha fatto notare alla giornalista all’inizio del dibattito come fosse importante nominare il femminile delle professioni se vogliamo la piena parità. Principio che la ministra ha però preferito non applicare alla popolazione Lgbt del nostro paese, anche quella che vive ogni giorno tra i banchi.

Un silenzio ugualmente violento

Il logo dell’iniziativa

Forse Valeria Fedeli, per non dispiacere a Toccafondi e alle sue groupies del “no-gender”, ha dimenticato una delle fasce più deboli della popolazione studentesca. Perché quel silenzio è violento esattamente quanto un insulto gridato in un corridoio. C’è da augurarsi che il futuro dell’iniziativa sia meno grigio della presentazione di una campagna che è manchevole del concetto di rispetto verso giovani lesbiche, gay, trans e persone non binarie. Persone che hanno la stessa dignità sociale di chiunque altro. Com’è scritto sulla Costituzione, per altro.

Condividi

Articoli recenti

Cirinnà scrive a Casellati: “Ci autorizzi una missione in Egitto per incontrare Zaky”

"Fateci andare in Egitto a incontrare Patrick Zaky e la sua famiglia". E' questa, in sintesi, la richiesta presentata oggi…

17 febbraio 2020

I giudici hanno deciso: Patrick Zaki resta in prigione

I giudici egiziani hanno respinto la richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki, il giovane ricercatore arrestato al rientro dall'Italia dove…

15 febbraio 2020

“Studiava l’omosessualità: voleva screditare l’Egitto”: così la TV egiziana descrive Zaki

"L'omosessualità era l'oggetto del suo studio. Dall'Italia Zaki voleva screditare e attaccare il governo egiziano". Così una televisione egiziana descrive…

14 febbraio 2020

Il coming out di Elly Schlein è perfetto perché non esiste un coming out perfetto

Le persone vanno valutate per quello che fanno e non sulla base di come e quando fanno coming out.

14 febbraio 2020

“Sono impegnata con una ragazza”: il coming out di Elly Schlein a L’Assedio

Il coming out in Tv, da Daria Bignardi, della rappresentante più votata in Emilia Romagna.

12 febbraio 2020

Zaky, la testimonianza di un amico: “Torturato anche io al Cairo”

Il ragazzo vive adesso a Berlino e ha fornito la sua testimonianza su cosa accade in Egitto ai prigionieri.

12 febbraio 2020